Provincia / Salerno

Commenta Stampa

È andato in onda ieri il servizio realizzato da Brumotti

Salerno, servizio di Striscia la notizia sulla metropolitana


Salerno, servizio di Striscia la notizia sulla metropolitana
21/02/2013, 21:28

SALERNO – La famosa me4tropolitana di Salerno continua a tener banco, tanto da finire nell’occhio del tg satirico Striscia la  Notizia che proprio ieri ha mandato in onda un servizio realizzato dall’inviato Vittorio Brumotti, che con la sua inseparabile bicicletta ha eseguito diverse acrobazie sui binari dell'infrastruttura salernitana, completa ma "ferma al palo" da diversi anni per motivi tecnico - burocratici. Brumotti, in sella alla sua bicicletta, si è destreggiato sul "binario morto" della metropolitana, mai entrata in funzione, facendo tappa alle stazione di Arbostella e dello stadio Arechi.
Proprio nei giorni scorsi, la metropolitana è stata oggetto di attenzioni anche da parte del Primo cittadino salernitano che, su facebook, aveva scritto che il presidente regionale Stefano Caldoro aveva "finalmente detto che la metro di Salerno è un progetto importante e che la Regione intende farne parte", augurandosi che non fossero solamente promesse elettorali.
La metropolitana potrebbe essere un punto di forza per la città di Salerno, grazie alla quale si potrebbe  decongestionare il traffico cittadino ma potrebbe anche rappresentare un primo passo verso quella che potrebbe diventare una "metropolitana provinciale", con collegamenti a Sud verso l'aeroporto di Salerno e la piana del Sele e a Nord verso la valle dell'Irno e l'agro nocerino sarnese. Visto quello che è già costato ai contribuenti sarebbe uno spreco non attivarla.
Dal servizio del tg satirico si era inteso che la colpa della mancata attivazione della metropolitana era della Regione Campania che, oggi, ha respinto l’accusa inviando un comunicato stampa al programma di Antonio Ricci per dichiarare che la responsabilità è riconducibile al Comune di Salerno e dunque al sindaco De Luca. 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©