Provincia / Salerno

Commenta Stampa

Quasi impossibile trovare un posto libero adatto a loro

Salerno,Luci d’artista: disagi per i disabili


Salerno,Luci d’artista: disagi per i disabili
15/12/2011, 17:12

SALERNO – Con l’avvicinarsi del Natale, il Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca non ha voluto trovarsi impreparato, preparando così il consueto appuntamento con Luci d’artista. Anche quest’anno la città di Salerno sta riscuotendo enorme successo, anche grazie al continuo via vai di navette che mettono in comunicazione la zona centrale di Salerno con la zona antistante lo stadio Arechi, utili soprattutto per i turisti che non conoscono bene Salerno . Fin qui nessun problema, almeno per coloro che possono tranquillamente camminare a piedi. Il problema vero però lo trovano i disabili che proprio in questi giorni di festa non riescono a trovare un posto adatto a loro, le cosiddette “strisce gialle”,  perché molti spazi sono occupati da auto che non hanno il cartellino, utile ad indicare la condizione di disabilità di coloro che occupano i posti. Enorme disagi dunque per i diversamente abili e – nonostante la presenza costante dei vigili – davvero poche sono state le auto fino ad ora multate o rimosse. Molte sono state le lamentele di coloro che in questi giorni di festa, vorrebbero godersi la loro città come qualsiasi altro cittadino ma se la situazione non cambia, i disagi continueranno a crescere sempre di più così come crescerà il loro risentimento verso i cittadini salernitani e non che non hanno rispetto per coloro che hanno una ridotta capacità motoria. “Ciò che vogliamo – dichiarano all’unanimità alcuni disabili salernitani – è che i posti riservati a noi persone diversamente abili fossero lasciati liberi e non utilizzati da persone che sono in perfette condizioni ma non vogliono scomodarsi a girare un po’ di più per trovare un posto libero”. Caro Sindaco, tutti hanno il diritto di godersi la cittadina, non si dimentichi di coloro che hanno bisogno di aiuto, soprattutto in questi giorni di festa.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©