Provincia / Portici

Commenta Stampa

Problema alla condotta regionale DN600 di Portici

Salta condotta, manca l'acqua in tutta la Provincia


.

Salta condotta, manca l'acqua in tutta la Provincia
21/01/2010, 15:01

PORTICI – La costa vesuviana è a secco. Di nuovo. La martoriata provincia di Napoli è senz’acqua dalle prime ore dell’alba a causa della rottura, l’ennesima, della condotta idrica regionale DN 600.
Innumerevoli i problemi che in queste ore attanagliano l’erogazione idrica all’ombra del Vesuvio. Ieri pomeriggio la condotta più critica dell’intera regione Campania è tornata a creare problemi. Una rottura improvvisa, all’altezza di via Dalbono a Portici, ha mandato nel caos il comune vesuviano. Completamente allagate via De Nittis e via Pagliano, dove è stato necessario anche bloccare il traffico veicolare per evitare pericoli nel nuovo sottopasso costruito dalla Società Autostrade Italiane. Proprio lì, dove un uomo a bordo della sua auto è rimasto bloccato. Fermo in una crepa creatasi poco distante dal punto di rottura della condotta, l’automobilista è riuscito a fuoriuscire dal tettuccio superiore prima di rimanere del tutto barricato nel veicolo.
La situazione è stata da subito allarmante, ed è stato necessario l’intervento di Vigili del Fuoco e Polizia Municipale per ristabilire l’ordine. L’ordine si, ma non certo la rottura.
Se il comune di Portici da ieri sera è senz’acqua, anche nei vicini paesi vesuviani da questa mattina i rubinetti risultano a secco. A Cercola, mancanza d’acqua su tutto il territorio comunale ad esclusione delle località poste a monte di Corso Domenico Riccardi, dove si potranno comunque verificare abbassamenti della pressione idrica e mancanze d’acqua nelle prossime ore.
Situazione peggiore a Ercolano, Portici e San Giorgio a Cremano, dove l’acqua manca su tutto il territorio comunale. Meglio a Torre del Greco, dove dall’”arido” problema sono tirate fuori le località di Leopardi, Montedoro, Cappella Bianchini, Cappella Nuova e la zona a valle di via Nazionale, compresa tra viale Europa e via Purgatorio.
LE SCUSE DELLA GORI Quanto alla GORI, la società che si occupa della gestione idrica nel vesuviano è da tempo nel mirino dei sindaci per la non impeccabile gestione delle condotte idriche, tra le quali proprio la condotta DN 600. “Al momento, trattandosi di una condotta di competenza regionale, GORI non dispone di informazioni circa i tempi di ripristino del normale servizio idrico”, queste le dichiarazioni della società. Sta di fatto che i tecnici della Regione Campania – Settore Ciclo Integrato delle Acque – hanno già avviato i lavori di riparazione della condotta.
Notizie dell’ultima ora, intanto, lasciano qualche spiraglio di speranza. Il lavori alla condotta potrebbero ultimarsi già in giornata, ristabilendo la normale erogazione nella mattinata di domani.
 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©