Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Per il recupero e la valorizzazione del Real Sito Borbonico

“Salviamo Carditello”, protocollo tra Confapi e Agenda 21

Presenti stamani anche De Simone, Del Gaudio e Cimmino

.

“Salviamo Carditello”, protocollo tra Confapi e Agenda 21
18/04/2013, 12:47

CASERTA - “Cultura è sviluppo”,  è questo assioma la base del protocollo d’intesa siglato stamani tra la Confapi Caserta e Agenda 21 per Carditello. L’intesa sancisce l’impegno della Confapi Caserta verso il recupero, la promozione e la valorizzazione della Reggia che sorge sul territorio di San Tammaro e va ad unirsi a quella di Agenda 21, al fine di creare una “rete” che permetterà, in modo condiviso e coordinato di adottare interventi che attengono al recupero, valorizzazione,  gestione e fruizione del sito Borbonico. Una condivisione in effetti del ruolo sempre più importante che l’arte, la storia e la cultura sono  in grado di svolgere per lo sviluppo sociale e economico di un territorio. A siglare formalmente l’accordo il Presidente della Confapi Domenico Orabona e il presidente di Agenda 21 Raffaele Zito, in compagnia di ospiti prestigiosi che hanno condiviso l’iniziativa come Carlo Puoti, assessore alle Attività Produttive della Provincia di Caserta, Tommaso De Simone, presidente della Camera di Commercio, Pio Del Gaudio, sindaco di Caserta, Emiddio Cimmino, sindaco di San Tammaro. Ad approfondire le finalità dell’iniziativa si sono susseguiti gli interventi di Giuseppe Coppola, membro della giunta  di Presidenza della Confapi Caserta con delega al Turismo e alla Cultura, seguito da Paola Riccio, consigliere di Agenda 21, e l’intervento finale di Antonio Cecoro Presidente Confapi Turismo Campania. Il fine auspicato da tutti i presenti è  quello di realizzare  la più ampia fruibilità da parte del pubblico della Reggia Borbonica attraverso ogni tipo di iniziativa, che porti Carditello ad essere un centro vitale, culturale  di storia e di arte, inserendosi in un contesto più ampio di recupero di valori fondamentali della nostra tradizione. C’è già un seguito immediato al protocollo, nel corso dell’incontro è stato  presentato  dalla Confapi il primo intervento congiunto che verrà realizzato, è allo studio difatti una mostra sul tema cibo, arte e storia del territorio che verrà allestita nelle sale di Carditello, un  punto d’incontro ideale tra la cultura e l’arte della tavola, a simbolo dell’antica tradizione dei banchetti reali.

 

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©