Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

San Giorgio a Cremano contro i comuni confinanti: "non puliscono caditoie ed alvei"


San Giorgio a Cremano contro i comuni confinanti: 'non puliscono caditoie ed alvei'
13/09/2012, 15:39

"Abbiamo inviato una nota al Prefetto di Napoli - spiega l' assessore al patrimonio di San Girgio a Cremano Giorgio Zinno - per chiedere un incontro urgente con i comuni confinanti con il nostro affinchè intervengano rapidamente sui loro alvei e caditoie. Noi abbiamo terminato la pulizia dei nostri 10 giorni fa ma essendo a valle di altri comuni limitrofi che non le effettuano ogni pioggia significativa veniamo travolti dai loro detriti che arrivano per le nostre strade creando pesanti allagamenti e disagi ai cittadini. In particolare gli aghi di pino del comune di San Sebastiano hanno otturato in pochi minuti le caditoie pulite solo pochi giorni fa costringendoci ad un nuovo ed urgente intervento che è già in essere e che sta portando il comune di nuovo alla normalità. Se gli altri comuni non interverranno sul loro sistema fognario, sugli alvei e sulle caditoie lo faremo noi in danno. Non possiamo più accettare disagi e allagamenti dovuti alle inadempienze degli altri comuni confinanti".
" Stamane molti negozi a San Giorgio hanno avuto difficoltà ad aprire e a svolgere tranquillamente la propria attività con i conseguenti danni economici. Il problema della pulizia delle caditoie - spiega l' assessore al commercio Francesco Emilio Borrelli esponente dei Verdi - è molto serio. Se vengono effettuate da un solo comune purtroppo servono a poco perchè vengono subito ostruite dai detriti dei territori confinanti. Le piogge creano così gravi problemi anche a causa della eccessiva urbanizzazione che ha eliminato terreno assorbente e spinge l' acqua piovana mischiata a detriti rapidamente a valle. Il Prefetto deve coordinare un intervento straordinario in tal proposito per evitare tragedie dovute alle negligenze di alcuni comuni che non hanno l' abitudine di fare interventi preventivi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©