Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

San Giorgio a Cremano: Il Laboratorio Città dei Bambini e delle Bambine sostiene la vendita di orchidee dell’Unicef


San Giorgio a Cremano: Il Laboratorio Città dei Bambini e delle Bambine sostiene la vendita di orchidee dell’Unicef
03/10/2013, 10:43

SAN GIORGIO A CREMANO – La vendita delle orchidee dell’Unicef quest’anno si rinnova e torna – i prossimi 5 e 6 ottobre – in oltre 1.100 piazze italiane a sostegno dei progetti contro la mortalità infantile con il motto “A molti bambini serve un seme di orchidea per diventare grandi”.
Sabato e domenica mattina, dalle 9.30 alle 14 e dalle 16 alle 18 in villa Falanga, volontari locali dell’Unicef, in collaborazione con il Laboratorio Città dei Bambini e delle Bambine, offriranno al pubblico – a fronte di una donazione minima di 10 euro – una lattina di semi dell’albero di orchidea insieme a un tazza a scelta fra tre diversi disegni della popolarissima Pimpa, tutti dedicati ai diritti dei bambini.
“Attraverso l’orchidea dell’Unicef – spiega il sindaco Mimmo Giorgiano - saranno sostenuti progetti di lotta alla mortalità infantile, in particolare in Africa centrale e occidentale, perché ancora oggi nel mondo ogni giorno muoiono diciottomila bambini sotto i cinque anni per cause prevenibili e malattie curabili. I fondi raccolti saranno investiti in un pacchetto integrato di interventi per l’infanzia che comprende: campagne di vaccinazione, distribuzione di zanzariere, visite prenatali e assistenza al parto, somministrazione di sale iodato e vitamina A, terapie di reidratazione orale, prevenzione e cura della malnutrizione, miglioramento dell’accesso all’acqua e delle condizioni igieniche, tutti servizi essenziali per la sopravvivenza dei bambini.”
In questa occasione verrà lanciata l’iniziativa Unicef Wishes, attraverso la quale sarà possibile scrivere un augurio personalizzato attraverso un sms al numero 3202041076; l’Unicef selezionerà i mille messaggi più belli e farà recapitare le lattine personalizzate agli autori dei messaggi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©