Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

San Giorgio a Cremano, il sindaco sposa la causa del Centro Horizon


San Giorgio a Cremano, il sindaco sposa la causa del Centro Horizon
21/02/2012, 12:02

San Giorgio a Cremano, 21 febbraio 2012 – Il sindaco di San Giorgio a Cremano Mimmo Giorgiano raccoglie l’appello del centro Horizon e scende in campo personalmente per aiutare la struttura di riabilitazione neuromotoria ad abbassare le liste di attesa per i bambini diversamente abili.
Dopo la riduzione del budget destinato alle strutture di riabilitazione accreditate presso il sistema sanitario regionale, infatti, il centro sangiorgese non riesce più a soddisfare le numerose richieste di terapia e assistenza per bimbi disabili ed autistici che arrivano non solo dalla città di Troisi ma anche dai comuni limitrofi nonché dai quartieri della periferia orientale di Napoli.
Risultato: al momento sono circa 250 i bambini in lista d’attesa presso il centro sangiorgese e gli operatori, a causa delle difficoltà economiche della struttura, non potranno occuparsi di loro prima di sei o sette mesi.
“Un tempo lunghissimo se si considera che in patologie come la dislessia, il disturbo del linguaggio e l’autismo la tempestività dell’intervento è fondamentale. - spiega l’amministratore unico del centro Horizon Bartolomeo Giordano – Tuttavia non abbiamo altra scelta. E’ difficile dire di no a chi, spesso supplicando, viene a chiederci assistenza ma siamo costretti a farlo. Ecco perché chiediamo al sindaco Mimmo Giorgiano di farsi portavoce, presso gli enti competenti a livello locale e regionale, delle nostre difficoltà. L’obiettivo è quello di ottenere un aumento del budget o un accesso ai fondi europei al fine di incrementare il numero delle terapie rivolte ai bambini in lista d’attesa”.



Un appello, quello del centro Horizon, che il primo cittadino di San Giorgio a Cremano, insieme al consigliere comunale e presidente della commissione cultura Michele Carbone, non ha esitato a raccogliere, attivandosi immediatamente presso le autorità competenti a livello locale e regionale per trovare al più presto una soluzione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©