Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

San Giorgio a Cremano, Si conclude domani “Letture di legalità”


San Giorgio a Cremano, Si conclude domani “Letture di legalità”
23/05/2011, 09:05

San Giorgio a Cremano, 23 maggio 2011 - Domattina alle 10, presso l'Iti Enrico Medi di via Buongiovanni, lo scrittore e giornalista Bruno De Stefano sarà ospite dell'Amministrazione Comunale per un incontro gli studenti, che discuteranno con lui del suo libro "101 storie di camorra che non ti hanno mai raccontato". I ragazzi interloquiranno con l'autore leggendo ad alta voce dei brevi brani del libro, davanti anche ai propri compagni di scuola, ponendogli delle domande.

L'iniziativa rientra in un percorso più ampio, che mira a favorire la conoscenza della legalità attraverso un percorso fatto di libri e testimonianze. È questo l'obiettivo della prima edizione di "Letture di legalità", progetto dall'assessorato alle Politiche Giovanili guidato da Luigi Velotta e rivolto agli studenti sangiorgesi che frequentano l'ultimo anno della scuola superiore. Ogni classe che partecipa al laboratorio diventa un gruppo di studio: i ragazzi, guidati da un docente, analizzano un libro per comprenderne il significato e imparare a leggerlo ad alta voce. Alla fine del percorso, i partecipanti incontrano l'autore del testo studiato. Nell'ambito del progetto gli studenti hanno già incontrato il magistrato Raffaele Cantone, con cui hanno parlato del suo volume "Solo per giustizia" e Raffaele Sardo, autore di “Al di là della notte – storie di vittime innocenti di criminalità”, promosso dalla Fondazione Polis.

Il libro è un viaggio nella criminalità organizzata in Campania, attraverso una carrellata di episodi che messi in fila rendono l'idea di quanto sia devastante la presenza sul territorio di centinaia di clan. Protagonisti delle 101 storie non sono soltanto i boss e i loro scagnozzi impegnati in "imprese" negative come omicidi, stragi ed esecuzioni brutali, ma anche personaggi della società civile che talvolta hanno pagato un prezzo altissimo nel tentativo di arginare un potere parallelo sempre più solido e forte. Nel volume si dà anche spazio per molte vicende giudiziarie dall'esito incerto, ad alcuni avvenimenti che i media hanno colpevolmente trascurato o sottovalutato, e a delitti ancora senza castigo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©