Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

San Giorgio a Cremano, Unità d'Italia: grande partecipazione alla manifestazione


San Giorgio a Cremano, Unità d'Italia: grande partecipazione alla manifestazione
17/02/2011, 15:02

San Giorgio a Cremano, 17 febbraio 2011 - Più di cento persone hanno partecipato alla prima di una serie di iniziative con cui l’associazione cittadina Auser intende celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia. “Per non dimenticare i militari prigionieri nei lager”, il titolo del convegno organizzato in villa Vannucchi e patrocinato dall’Amministrazione Comunale di San Giorgio a Cremano.

Una occasione per discutere di quella che è stata definita l’altra Resistenza, basata sul sacrificio dei soldati italiani fatti prigionieri dopo l’8 settembre 1943, è stata la presentazione del libro di Antonio Borrelli “Il silenzio di mio padre” (Dante & Descartes). “Un silenzio comune a tanti Internati Militari Italiani (IMI) – dichiara Giuseppe Improta, presidente Auser di San Giorgio a Cremano – i divenuti “schiavi di Hitler”, costretti a lavorare per la Germania e, una volta tornati, dimenticati da tutti. E purtroppo furono non solo dimenticati dai vincitori e odiati dai vinti, ma anche inascoltati dalle stesse famiglie”. Un silenzio che non deve continuare, perciò l’Auser-San Giorgio ha deciso di avviare la raccolta di lettere e diari inediti dei tanti internati, nel biennio 43-45, sia in Germania che in Polonia, in India, Inghilterra, Stati Uniti, Egitto.

“Abbiamo il dovere – ha detto il vicesindaco Giorgio Zinno – di far conoscere ai giovani questi tragici momenti della nostra storia unitaria. Questa iniziativa e una raccolta di testimonianze orali anche dei superstiti protagonisti dell’ultima guerra sono di sicuro un modo efficace per informare i cittadini.” L’invito del vicesindaco è stato colto da Improta che ha proposto una Mostra su questi temi e mettendo a disposizione il materiale raccolto dal socio Ciro Scancamarra, che in anni di paziente lavoro ha raccolto anche cartoline postali e francobolli celebrativi delle più diverse ricorrenze (Repubblica, Resistenza, Anniversari Unità d’Italia.).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©