Provincia / San Giorgio

Commenta Stampa

San Giorgio, seduta Consiglio comunale


San Giorgio, seduta Consiglio comunale
26/06/2013, 15:08

SAN GIORGIO A CREMANO - Oggi si è tenuta una seduta di Consiglio comunale in Città. Tra i tanti i punti all'ordine del giorno messi in discussione erano presenti: l'approvazione di diversi regolamenti, atti di indirizzo e ben 16 interrogazioni da porre all'attenzione del Sindaco e della Giunta. Difatti è dal Marzo scorso che mozioni ed interrogazioni non vengono portate in pubblica assise. La seduta è iniziata come al solito in ritardo. Sindaco, Vice Sindaco e gran parte dei componenti della Giunta gli illustri assenti della seduta. Nel corso della stessa la maggioranza ha bocciato la proposta partita dalle forze di Opposizione per richiedere l'inversione dell'ordine del giorno e mettere a votazione fin da subito i punti riguardanti le Commissioni d'indagine su debiti Premio Troisi, refezione scolastica ecc. giacenti da quasi 1 anno ed in attesa di discussione. 
Dopo aver incassato la bocciatura alla proposta da parte delle forze di maggioranza presenti in aula si è passati alla discussione delle interrogazioni, dove però erano assenti gli interlocutori. Pertanto a seguito della lettura infruttuosa di alcune di esse il Consigliere Cascone (M5S) si è rifiutato di proseguire i lavori abbandonando in segno di protesta l'aula. Dopo circa 5 minuti anche le altre forze di Opposizione hanno deciso di far venire meno la propria presenza facendo mancare il numero legale in un aula già semi-deserta. <<Stamattina è stato offerto alla cittadinanza uno spettacolo indecoroso - afferma il Consigliere comunale Danilo Cascone del M5S - ed è per questo che ho abbandonato l'aula dichiarando di rifiutare il mio gettone di presenza. E' semplicemente vergognoso assistere ad una seduta senza la presenza dei propri interlocutori quali Sindaco, Vice Sindaco e gran parte degli Assessori. Oramai sono più della metà le sedute di Consiglio andate deserte per mancanza del numero legale. Il Sindaco non può sottrarsi al confronto, sebbene stamattina abbia trasmesso una giustifica al Presidente. E' da più di un mese che non vengono convocati Consigli ordinari. In questo modo si tenta dal mio punto di vista di ostacolare l'esercizio delle funzioni in capo ai rappresentanti dei cittadini. Personalmente mobiliterò la cittadinanza per organizzare prossimamente una occupazione simbolica dell'aula consiliare al fine di vedersi finalmente riconosciuti gli interessi e le esigenze della collettività."

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©