Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Sant'Anastasia, intesa comune-regione sul lavoro


Sant'Anastasia, intesa comune-regione sul lavoro
09/02/2011, 14:02

Sant’Anastasia, 9 febbraio 2011 – “Avete fatto dei passi avanti importanti a favore delle imprese e delle attività produttive, che nel nostro territorio vanno sostenute e valorizzate per poter dare una risposta alla disoccupazione e alla ripresa economica”. L’affermazione è del prof. Severino Nappi, assessore regionale con delega al lavoro, presente al convegno dal titolo “PIANO LAVORO, il Comune di Sant’Anastasia e la Regione Campania insieme per sconfiggere la disoccupazione”, tenutosi ieri sera presso la Sala Consiliare di Palazzo Siano. L’assessore regionale si è complimentato per la delibera di Consiglio Comunale con la quale l’A.C. ha recentemente offerto alle attività produttive locali la possibilità di mettersi in regola ed ha sottolineato l’importanza di scelte politiche che vanno verso le imprese per aiutarle a svilupparsi.

L’incontro, promosso dal consigliere comunale Franco Rea e dall’assessore Felice Manfellotto, ha visto l’ampia partecipazione di imprese locali e giovani ed è servito a far capire che vi è sinergia tra la Regione Campania e il Comune, “co-interessati a mettere in campo provvedimenti e incentivi a favore del territorio, della formazione e del lavoro in sede per favorire la stabilità familiare e dare la possibilità alle giovani coppie di guardare al futuro con maggiore speranza, senza dover necessariamente emigrare e veder infranto il sogno di vivere nella propria terra di origine contribuendo alla sua crescita sociale ed economica”.

Illustrati a cura del dott. Giuseppe Romano, esperto laburista, i bandi regionali “Più sviluppo più lavoro; Cig Più; Minimi Termini; Più apprendi più lavori; Primimpresa OSS”, consultabili sul sito www.regione.campania.it che in vari modi prevedono incentivi per un totale di 76milioni di euro a datori di lavoro, imprese, agenzie interinali, ditte specifiche del settore socio-sanitario per assumere e stabilizzare personale, integrare e regolarizzare il lavoro degli immigrati con contratti di apprendistato.

“Apprezzo l’iniziativa di questo convegno e la filosofia con la quale sono stati posti al centro dell’azione politica le esigenze e i fabbisogni dei cittadini e delle imprese. Come Regione – dice l’ass. Nappi – abbiamo fatto una seria analisi mettendo insieme tutte le forze datoriali, sindacali e associative per arrivare a concepire e realizzare il “Piano del Lavoro”. Un piano che vuole voltare pagina sul lavoro e sulla formazione, mettendo a fuoco le piccole e medie imprese campane, che sono da sempre il nostro vero patrimonio. Abbiamo assunto impegni importanti, recuperando risorse per poterle aiutare concretamente e se, in linea con i bandi, provvederanno ad assumere in tempi ragionevoli avranno i rispettivi incentivi regionali”.

“Operare con atti amministrativi pregnanti è uno dei nostri obiettivi – dice il sindaco, Carmine Esposito – e quelli fatti da noi in questi otto mesi sono più pregnanti di quelli fatti dalle amministrazioni passate, che, ad es. con l’AMAV Ambiente, hanno effettuato un dispendio di denaro enorme. Ringrazio l’ass. Nappi, gli autorevoli relatori e i cittadini che anche stasera sono qui numerosi. Sono un sindaco che conosce i sogni dei giovani, che non riescono a vedere un radioso futuro, con tanta disoccupazione e minime opportunità di lavoro. Come non inziare a dare occupazione nei nostri territori? Come non dare ai giovani certezze, se devono metter su famiglia? L’azione messa in campo dall’A.C. tende a rilanciare l’economia in paese e punta a raggiungere quanto meno la normalità sociale”.

“La formazione che veniva fatta in passato era solo un dispendio di energie – afferma il dott. Enrico Inferrera, Presidente Confartigianato – perché inserite in un sistema politico che guardava alle grandi imprese, senza tener presente che la nostra realtà campana è fatta da piccole aziende familiari e medie imprese. I bandi regionali rappresentano per la Confartigianato una rivoluzione copernicana vera e propria per trasmettere ai giovani la cultura del lavoro, rilanciare il made in Campania, dare visibilità ai nostri prodotti e agire anche sul credito alle imprese da parte delle Banche”.

Anche Vincenzo Schiavo della Confesercenti, sottolinea l’opportunità dei bandi regionali “ai quali abbiamo lavorato insieme all’assessore Nappi, per dare al nostro territorio la possibilità concreta di rinvigorire l’economia attraverso i contributi alle piccole e medie imprese, che, rappresentando circa l’80% della nostra forza lavoro e cultura, possono innescare un meccanismo di ripresa economica”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©