Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Il nunzio apostolico ufficializza nomina vescovo di Aversa

Sarà Monsignor Spinillo il reggente della Diocesi di Caserta

In attesa che la Santa Sede nomini il successore di Farina

.

Sarà Monsignor Spinillo il reggente della Diocesi di Caserta
28/09/2013, 10:35

CASERTA – A meno di 24 ore dai funerali solenni di monsignor Pietro Farina, il nunzio apostolico in Italia, monsignor Adriano Bernardini, ha comunicato alla Diocesi di Caserta che sarà il vescovo di Aversa, monsignor Angelo Spinillo, il nuovo reggente in attesa che la Santa Sede designi il nuovo vescovo. In verità, la notizia della nomina del nuovo amministratore apostolico è giunta al Duomo già nella tarda serata di giovedì, giorno in cui, officiati dall’arcivescovo metropolita di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, si sono svolti i funerali di monsignor Farina, stroncato da un terribile male contro il quale ha lottato tenacemente per più di un anno. Ma si è preferito attendere la sepoltura dello stesso monsignor Farina, all’interno della cripta della cattedrale di Caserta, prima di dare ufficialmente l’annuncio della nomina pro-tempore di monsignor Spinillo; il quale, in queste ore, incontrerà tutti i sacerdoti ed i diaconi della Diocesi di Caserta, appositamente convocati nella biblioteca del seminario vescovile, per un primo contatto. Monsignor Spinillo reggerà le sorti della Curia Vescovile di Caserta nel ruolo di amministratore apostolico per almeno sette o otto mesi, ovvero fino a quando, come si diceva, non arriverà il decreto di nomina del nuovo vescovo. Una nomina, comunque, a sorpresa quella di monsignor Spinillo visto che, in casi del genere, l’amministrazione della Diocesi, in attesa dell’ufficializzazione del nuovo vescovo, dovrebbe essere assunta dal vicario che, nel caso specifico, è monsignor Antonio Pasquariello. Questo è successo, ad esempio, all’Arcidiocesi di Capua, all’indomani della dipartita di monsignor Bruno Schettino, con la nomina ad amministratore diocesano di monsignor Piccirillo di Santa Maria Capua Vetere.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©