Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Intervento al largo della costa di Torre del Greco

Scafo in avaria: capitaneria salva quattro persone

Primo risultato dell'operazione "Mare sicuro"

.

Scafo in avaria: capitaneria salva quattro persone
21/06/2011, 13:06

TORRE DEL GRECO - Nel suo primo giorno di attività, l’operazione “Mare sicuro” realizzata dalla Guardia Costiera di Torre del Greco ha già portato a casa un primo importante risultato. Gli uomini della guardia costiera torrese hanno tratto in salvo una famigliola in gita su uno scafo di sette metri al largo della costa, ad una ventina di metri dalle scogliere frangiflutti della via litoranea. La famiglia, composta da quattro persone, tra cui due bambini, aveva lanciato l’allarme alla sala operativa della Capitaneria di porto corallina tramite il “numero blu” 1530, a causa di un’avaria del motore dello scafo. Tempestivo, in tal caso, il soccorso portato prima che lo scafo colasse a picco, trascinando con se in mare i presenti. Le persone a bordo sono state tempestivamente trasbordate sul battello della Capitaneria e trasferite sulla banchina di levante del porto, dove sono state sottoposte a precauzionale verifica del loro stato di salute dal personale del 118. Solo alcuni momenti di comprensibile panico per gli occupanti del Fiart 22 Arrow di ritorno da Sorrento, ma nessun infortunio grazie anche all’esperienza dell’equipaggio del B66, che, condotto dal sottocapo Nicola Amoroso, è giunto sul luogo della chiamata in modo tempestivo ed efficace. Ignote, invece, le cause della via d’acqua che ha portato l’unità ad affondare in poche decine di minuti. La Capitaneria di porto ne ha già disposto il recupero. “Non si può intervenire in tempo se non si è già a mare” commenta il Capitano di Fregata Francesco Cimmino, comandante del porto di Torre del Greco “e oggi abbiamo potuto nuovamente constatare la qualità di un servizio come “Mare Sicuro”, un assetto costiero efficace fondato su equipaggi specializzati ed una reale prontezza operativa.”

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©