Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Scioglimento comune Pozzuoli. Verdi: "Magliulo non potrà tornare a fare il dirigente del comune"


Scioglimento comune Pozzuoli. Verdi: 'Magliulo non potrà tornare a fare il dirigente del comune'
24/11/2011, 15:11

"A parte le faide interne del PDL che hanno spinto alcuni consiglieri comunali a decretare la fine dell' esperienza amministrativa del centro destra a soli 6 mesi dalla vittoria per poche decine di voti - dichiara il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli - noi crediamo che la Magistratura debba indagare con determinazione sull' ammministrazione comunale, in particolare su funzionari e vertici amministrativi.
Troppe commistioni, troppi interessi personali, troppi intrecci politico economici, troppe parentele. A partire dall' ex sindaco Magliulo, uomo di fiducia di Cosentino e Cesaro, che per oltre 30 anni è stato anche un importante dirigente dello stesso comune e che per quanto ci riguarda non potrà mai più tornare a lavorare in nessuna forma in questo comune".
"Per non non parlare dei consiglieri comunali - continua Borrelli - che già la sera del 22 Novembre avevano firmato le dimissioni che però incredibilmente non sono state accettate dal Segretario Comunale ,amico e collega storico dello stesso Magliulo, che ha bloccato ,in modo a nostro avviso illeggittimo, la procedura di scioglimento dell' amministrazione rinviandola al mattino dopo e dando il tempo al Presidente della Provincia Luigi Cesaro di piombare in città per tentare di "convincere" gli esponenti del Pdl a ritirare le dimissioni.
Infine la scena da film di gangster con l' arrivo sotto scorta al comune dei consiglieri dimissionari per confermare le dimissioni dopo aver dormito la notte in luoghi nascosti per non essere reperiti neanche fossero dei latitanti o dovessero temere per la propria incolumità.
C' è n' è abbastanza per aprire una inchiesta della Magistratura e realizzare una bonifica interna ed esterna dell' amminsitrazione comunale oramai ridotta ai minimi termini politici, sociali ed amministrativi".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©