Provincia / Benevento

Commenta Stampa

Serafini: Su vicenda Biodigestore polemiche sterili e indecorose

Dai Consiglieri regionali ci aspetteremmo ben altre reazioni

Serafini: Su vicenda Biodigestore polemiche sterili e indecorose
04/07/2013, 16:14

BENEVENTO - Considero l’iniziativa dei consiglieri di minoranza del Comune di Telese Terme del tutto legittima ma priva di qualsiasi riferimento al merito della questione. Lo dichiara Gianluca Serafini, Segretario provinciale di Sinistra Ecologia Libertà, a proposito dell’audizione tenuta dai Consiglieri comunali dell’opposizione telesina presso la Commissione Ambiente del Consiglio Regionale della Campania.

La Strategia “Rifiuti Zero” verso la quale dovrebbero tendere tutte le comunità locali, contempla in maniera esplicita gli impianti di biodigestione e continuare ad insistere sul terreno della demagogia contribuisce a creare confusione. A Gianluca Aceto, Vicesindaco di Telese Terme, va tutta la mia solidarietà per gli attacchi ingiustificati che in questi giorni sta subendo e tutta la stima del partito per il rigore con cui affronta la vicenda dal punto di vista dell’analisi e dello studio. La fattibilità dell’opera dipenderà dalla possibilità di allocarla, non dagli insulti gratuiti.

Da questo punto di vista, continua Serafini, stupisce l’assoluta sintonia che unisce gli Onorevoli Luca Colasanto, Sandra Lonardo Mastella e Giulia Abbate. Mescolare basse allusioni all’affarismo con la retorica dei territori e, addirittura, con la contrapposizione tra vocazione turistica e trattamento dei rifiuti è francamente avvilente.

Dalla neoconsigliera regionale Abbate, autorevole esponente del Partito Democratico, mi sarei aspettato, in queste ore, un intervento deciso su quanto sta accadendo in Consiglio Regionale alla luce dell’ultima inchiesta della magistratura che coinvolge la quasi totalità dei Consiglieri.

Sarebbe stato sicuramente più opportuno, conclude, spendersi per porre fine all’agonia di un Consiglio fortemente delegittimato e ormai ridotto a ruota di scorta di un Governo regionale fallimentare e dannoso per la Campania intera.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©