Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Settimana del benessere psicologico: incontri previsti a Vico Equense


Settimana del benessere psicologico: incontri previsti a Vico Equense
22/11/2011, 16:11

Vico Equense - Nell'ambito della settimana del Benessere Psicologico, Vico Equense aderisce per il secondo anno consecutivo, all´iniziativa promossa dall´Ordine regionale degli Psicologi e diventa “Città amica del Benessere Psicologico in Campania”, organizzata da Anci Campania e Federazione delle Autonomie Locali. Due gli appuntamenti previsti nella sala consiliare del Comune di Vico Equense. Domani, mercoledì 23 novembre, ore 16.30, conferenza sulla dislessia con la partecipazione del presidente dell´Ordine regionale Raffaele Felaco, alla presenza del Sindaco Gennaro Cinque. Interverranno gli psicoterapeuti: Debora Di Maio, Maria Lombardo e Valentina Valentini, dell’Associazione Psicologi Penisola Sorrentina (As.P.Pe.S.). La dislessia, e in generale i disturbi specifici dell´apprendimento (DSA), sono un fenomeno emergente di grande impatto sociale e interessano circa il 5% della popolazione scolastica, si calcola che in media dovrebbe esserci un dislessico in ogni classe. Per quanto “non guaribili” (essendo una caratteristica costituzionale dell´individuo) i DSA possono essere modificati nel loro decorso funzionale da specifiche e adeguate misure e l´intervento precoce e specifico, già nelle prime fasi di apprendimento della lettura e della scrittura, è quello che apporta i maggiori benefici, mentre una diagnosi tardiva provoca spesso conseguenze psicologiche, sociali, lavorative che possono trasformarsi in danni permanenti. Sabato, 26 novembre, ore 16.00, si terrà un seminario sul fenomeno del bullismo, che in Italia riguarda circa il 33% dei ragazzi in età adolescenziale. Un ragazzo su tre subisce, infatti, episodi di violenza verbale, psicologica o fisica. Sono decisamente in crescita nel nostro paese non solo gli autori di queste pratiche (minacce, aggressioni violente, offese, intimidazioni), ma anche gli spettatori indifferenti o, peggio, divertiti dalle stesse. Queste tendenze preoccupano molto e rendono necessarie da parte di enti e istituzioni interventi di sistema volti a fornire ai ragazzi riferimenti educativi solidi e in grado di indirizzarli verso comportamenti più responsabili. Per contrastare il bullismo occorre costruire attorno ai giovani, nella famiglia in sinergia con la scuola, una rete di rapporti significativi. Prospettive di vita sicure. Occorre “Insegnare ai giovani l´arte del vivere”, educarli alla legalità, ridestare in loro i grandi ideali, la passione civile e politica per renderli protagonisti consapevoli del loro ruolo di “strumento di cambiamento sociale”, coniugando la libertà con il senso del dovere per poterla vivere non come trasgressione ma come valore di grande significato. Visto il grande successo della scorsa edizione, anche quest’anno l’AsPPes ha deciso di aderire a questa iniziativa mettendo a disposizione i propri psicologi e psicoterapeuti per colloqui gratuiti. Il tema di questa seconda edizione è la famiglia, e il contributo che può apportare al benessere complessivo della società. “La famiglia – afferma il Sindaco Gennaro Cinque – rappresenta un bene unico per ogni comunità. Potersi confrontare con degli esperti del settore, per conoscere meglio i tanti disagi della società moderna è un bene. Come Istituzione il nostro compito è stare vicino a chi soffre, offrendo una rete di servizi adeguati. La crisi non ci aiuta, così come i tagli del Governo, nonostante questo la politica deve intervenire aiutando e sostenendo chi si trova in una situazione di disagio.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©