Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Il presidente Cesaro premia tutti i partecipanti

Sicurezza stradale: Cesaro premia i partecipanti al progetto “On the road 2.0”


.

Sicurezza stradale: Cesaro premia i partecipanti al progetto  “On the road 2.0”
31/05/2011, 13:05

Crescere nella cultura della sicurezza stradale, imparare le regole ma anche saperle comunicare ai coetanei e diventare registi e formatori di altri adolescenti, aumentando le conoscenze in tema di codice della strada, ma anche in tema di comunicazione personale, linguaggi scritti e parlati e anche in tecniche audiovisive di montaggio e in web communication e social network. E’ questo il senso del progetto “On the road 2.0” che ha visto la manifestazione conclusiva svolgersi questa mattina presso la sala Cirillo di Palazzo Matteotti. Il progetto, destinato agli studenti dell’area metropolitana di Napoli, è stato promosso dall’assessorato ai Trasporti della Provincia di Napoli, in collaborazione con l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, l’Ufficio Scolastico regionale, le associazioni delle scuole guida (Unasca e Confarca) e il marchio Monumedia, con il regista Franz Cerami. All’appuntamento conclusivo, che è stato introdotto dal Presidente della Provincia Luigi Cesaro, dal Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico regionale Diego Bouché, hanno preso parte anche il regista Franz Cerami, il Dirigente dell’Assessorato responsabile del progetto Renata Monda, il Presidente di Confarca Giuseppe Russo, il Presidente di Unasca Alfredo Boenzi. Con loro, il dirigente scolastico dell’Istituto Vitruvio di Castellammare Sebastiano Piccolo, il Dirigente dell’istituto De Sanctis Patrizia Pedata, Il Dirigente dell’istituto Moscati Giuseppe Pagano, e il docente dell’Università Suor Orsola Benincasa referente del progetto, Paola Villani.
Un team di 12 docenti e professionisti esperti è stato impegnati in tre mesi di formazione per lezioni frontali, laboratori d’aula e3sercitazioni e molta, molta pratica con le tecniche audiovisive.
“Il progetto che si è concluso oggi, con la consegna degli attestati di partecipazione da parte mia agli studenti, si è distinto per il particolare approccio che si è voluto dare al tema della sicurezza stradale. La comunicazione non è stata calata dall’alto ma ha visto protagonisti i ragazzi che hanno prodotto alcuni filmati in cui essi stessi testimoniavano le loro esperienze, sia positive che negative”. Lo ha detto il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, intervenendo alla giornata conclusiva del Progetto “On the road”. “Ancora una volta la Provincia di Napoli, offrendo il massimo della collaborazione ai soggetti coinvolti nel progetto, si è distinta per una particolare sensibilità verso la prevenzione” – ha aggiunto Cesaro. “Non solo la nostra Web TV trasmetterà gli spot con gli studenti protagonisti, ma siamo già pronti ad intraprendere un nuovo viaggio di collaborazione, attraverso l’assessorato provinciale ai Trasporti, per una nuova edizione da avviare nel prossimo anno scolastico. L’obiettivo è quello di coinvolgere un numero sempre maggiore di giovani, perché siamo pronti a scommettere sulle nuove generazioni, risorsa preziosa per il futuro della società” – ha concluso il presidente Cesaro.
Da anni l’assessorato ai Trasporti promuove progetti che puntano alla prevenzione. Dopo ‘La vita non è un film’, quest’anno il progetto ‘On the Road 2.0’. Siamo convinti che una capillare rete di formazione ed educazione alle regole sia la vera arma vincente. Non possiamo limitarci a misure tampone che rispondano a singole emergenze”. E’ quanto ha affermato l’assessore provinciale ai trasporti, Antonio Pentangelo nel suo intervento che ha poi aggiunto: Ogni anno gli automobilisti che perdono la vita sulle strade restano ancora migliaia. Un dato inaccettabile, soprattutto se si considera che la percentuale di giovani under 25 continua a salire e raggiunge quota 50%. Le amministrazioni locali devono impegnarsi. La Provincia lo ha già capito da tempo ed è scesa in campo con investimenti mirati. Il progetto ‘On the road 2.0’ ne è la testimonianza”.
“Dopo la comunicazione e diffusione,- ha aggiunto Pentangelo - stavolta abbiamo puntato sulla formazione. Siamo partiti con un gruppo di 60 ragazzi, una classe pilota che è formata da tre scuole del territorio. Adolescenti degli Istituti Vitruvio (Castellammare di Stabia), Moscati (di Sant’Antimo) e De Sanctis (del centro di Napoli). I ragazzi hanno seguito un percorso formativo articolato che, oltre al codice della strada, ha insistito sulle tecniche di comunicazione più innovative. E questo grazie alla collaborazione non solo delle Scuole Guida (riunite in Confarca e Unasca) ma anche grazie ai docenti dell’università Suor Orsola Benincasa e al regista multimediale Franz Cerami. I ragazzi sono cresciuti in conoscenze, ma anche in competenze”.
“Abbiamo puntato al sapere, al saper fare ma anche al saper essere, cercando di far maturare i ragazzi nella cultura delle regole e anche nella competenza in ambito di tecnologie della comunicazione)” – ha concluso l’assessore Pentangelo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©