Provincia / Nola

Commenta Stampa

Sindaco ed Assessore alla Cultura su “Certame Bruniano”


Sindaco ed Assessore alla Cultura su “Certame Bruniano”
18/03/2010, 15:03

NOLA - "Rispondere ad un “attacco mediatico” ed accuse “gratuite” non è semplice per chi si è trovato catapultato in una realtà che non gli apparteneva e le cui sorti sin dal primo momento ha voluto fortemente risollevare”.
Ha esordito così l´Assessore ai Beni Culturali del Comune di Nola, Maria Grazia De Lucia, all´indomani di alcune dichiarazioni apparse su testate giornalistiche, cartacee e on line, circa la "fine" di una delle manifestazioni più importanti e consolidate dedicate al grande filosofo nolano.
“Il Certame Bruniano è una manifestazione di grande valenza culturale - ha continuato De Lucia - che, da dieci anni ormai, mette in contatto i giovani di tutta Italia e non solo, direttamente con le opere di Bruno portando il nome di Nola fuori dai confini nazionali. Motivo per il quale non morirà. Stiamo lavorando alla decima edizione - ha precisato De Lucia - che, come già stabilito con i partner storici, avrà una impronta diversa, non proprio conforme a quella tradizionale. Presto vi comunicheremo cosa succederà. È una sorpresa”.
“Forse si dimentica - ha dichiarato il Sindaco di Nola, Geremia Biancardi - che l’Amministrazione, sin dal suo insediamento, ha dovuto fare i conti con una situazione finanziaria disastrosa per la quale si sta ancora lavorando per il risanamento di piaghe e ferite. Forse si dimentica, magari per distrazione, che solo la buona volontà di questa Amministrazione ha permesso il pagamento dovuto per l’ultimo Certame solo ad ottobre scorso. Un evento eccezionale, sotto ogni profilo - ha continuato Biancardi -, che merita sicuramente tutta l’attenzione da parte nostra, per la cui piena riuscita però, non possiamo ora, finanziariamente parlando, fare salti nel buio. Pertanto, in sinergia con l’Assessorato ai Beni Culturali, in questi giorni stiamo approntando un programma culturale che sia degno di ogni aspettativa, assicurandoci prima la giusta e necessaria copertura finanziaria”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©