Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Prosegue senza sosta attività Centro Operativo Comunale

Sisma a Piedimonte Matese, 438 i sopralluoghi -video

Giunte 1050 domande per verifiche edifici pubblici e privati

.

Sisma a Piedimonte Matese, 438 i sopralluoghi -video
10/01/2014, 11:46

PIEDIMONTE MATESE - A dodici giorni dal sisma che ha colpito l’Alto Casertano, nel comune di Piedimonte Matese continuano le attività del Centro Operativo Comunale per la conta dei danni e la gestione dell’emergenza, con i sopralluoghi dei vigili del fuoco e della protezione civile presso le abitazioni dei cittadini che ne hanno fatto richiesta. Ad oggi, risultano pervenute 1050 domande e altre vengono continuamente presentate, mentre i sopralluoghi già compiuti sono stati 438. Diversi sono inoltre gli edifici, pubblici e privati, che ancora risultano non fruibili dalla comunità per via dei danni che hanno subito dal sisma (che successivamente ha fatto registrare 36 scosse di assestamento) tra cui alcune delle chiese più importanti della città, l’Istituto Agrario e il Municipio; quest’ultimo già oggetto di lavori di risistemazione in questi giorni. Mentre si attendono ancora risposte da Regione Campania e Governo in merito agli interventi di messa in sicurezza e agli aiuti agli sfollati (sono 66 le persone evacuate, di cui 11 minori), il Centro Operativo Comunale prosegue quotidianamente la pianificazione dei soccorsi e dell’assistenza ai cittadini, e poiché cresce continuamente la quantità di domande per la verifica statica degli edifici privati, è stato predisposto un piano d’azione che prevede l’utilizzo di una squadra comunale di tecnici, messa a punto dal sindaco Vincenzo Cappello - si tratta dell’architetto Annamaria Del Giudice e degli ingegneri Fabio Fatone, Massimo Ferrante, Michele Pennella, Annarita Fragola, Livio Di Buccio - il cui lavoro sarà seguito, se necessario, da una seconda squadra di vigili del fuoco e, in casi ancora più urgenti, dalla squadra regionale della Protezione Civile che provvederà alla redazione delle schede AeDES per il rilievo di danni alle strutture. Sinora, sulla base dei sopralluoghi svolti, sono pervenute 69 schede, un numero destinato probabilmente a salire nei prossimi giorni.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©