Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Nuovo appello a Governo centrale, Regione e Prefettura

Sisma Caserta, sindaci: “Ora l’unità di crisi” -video

Chiesta l'istituzione di presidio fisso dei vigili del fuoco

.

Sisma Caserta, sindaci: “Ora l’unità di crisi” -video
21/01/2014, 11:52

PIEDIMONTE MATESE – Chiedono il ripristino immediato dell’Unità di Crisi, costituita, si ricorderà, a seguito del sisma del 29 dicembre scorso, così come il riconoscimento dello stato di emergenza. A poche ore dallo sciame sismico che ha fatto tremare l’Alto Casertano, i primi cittadini di Piedimonte Matese, Alife, Gioia Sannitica, San Potito Sannitico, San Gregorio Matese e Castello del Matese, rispettivamente Vincenzo Cappello, Giuseppe Avecone, Mario Fiorillo, Francesco Imperadore, Giuseppe Mallardo e Antonio Montone, sono tornati a sollecitare Governo, Regione Campania e Prefettura “affinché adottino i provvedimenti già richiesti più volte, a sostegno del territorio che si trova ad affrontare una difficile situazione”. Gli amministratori, come si diceva, chiedono in primo luogo il ripristino del Centro Operativo Misto, sciolto circa dieci giorni fa, affinché possa continuare a svolgere quell’attività fondamentale di coordinamento dei servizi d’emergenza, mediante il lavoro dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile. Sollecitata, altresì, la dichiarazione dello stato di emergenza, ma anche l’attivazione della messa in sicurezza per quegli immobili già oggetto di ordinanza, assieme ad un’attenta rivalutazione dei danni riscontrati agli edifici, a cominciare da quelli pubblici. Ribadita, inoltre, la necessità di una presenza stabile in zona di una caserma dei Vigili del Fuoco, così da averne pronta disponibilità in caso di bisogno, come già comunicato al comando provinciale. I Comuni, anche per la giornata di oggi, hanno firmato apposite ordinanze di chiusura degli istituti scolastici e degli uffici pubblici, in attesa di nuove verifiche per eventuali danni subiti. A Piedimonte Matese il Comune ha, intanto, ripristinato il Centro di accoglienza presso la palestra della scuola “G.G. D’Amore”, ascoltando così le richieste avanzate da numerosi cittadini in attesa di ricevere assistenza per le proprie abitazioni. L’allestimento sarà avviato dal locale nucleo di Protezione Civile, ma è attesa anche la collaborazione della Croce Rossa, intervenuta per il primo allestimento del Centro.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©