Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Domani l'incontro con le sigle sindacali

Sospese le prove preselettive al Comune di Quarto


Sospese le prove preselettive al Comune di Quarto
13/12/2010, 10:12

QUARTO (NA) - Le selezioni e le procedure per i concorsi pubblici per titoli ed esami per 18 posti, in vari profili professionali per le categorie B, C, e D, a tempo indeterminato ed a part-time al 50 per cento, con riserva della metà dei posti a favore del personale interno e degli appartenenti alle categorie di soggetti disabili, sono state sospese in esecuzione dell'ordinanza del giudice del lavoro, Dott.ssa Vincenza Totaro. Sono, così, sospese tutte le procedure concorsuali per l'assunzione di personale di cui ai codici Ida - Idt - Idc - Iam – Cta. Il provvedimento dell’amministrazione comunale di Quarto deriva dalla sentenza notificata il 10 dicembre, nella quale il giudice del lavoro ha ritenuto il ricorso presentato contro il Comune dalle segreterie provinciali di Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fp «parzialmente fondato e parzialmente accoglibile». Ad essere impugnate dai sindacati, infatti, furono le delibere di giunta comunale 193, 200 e 201 del 16 e 27 luglio scorsi. Secondo Cgil, Cisl e Uil mancò la fase della informazione e della consultazione con l’Amministrazione comunale. Il giudice Totaro ha dato ragione al Comune di Quarto in merito alla delibera 193, ma ha ritenuto illegittimo il comportamento del Comune in merito alle altre due delibere. «Si ordina pertanto al Comune di Quarto la rimozione degli effetti di quel comportamento illegittimo – si legge nella sentenza del giudice del lavoro – e l’astensione di iniziative unilaterali senza il rispetto della procedura». In esecuzione di questa sentenza l’amministrazione comunale ha provveduto immediatamente a sospendere le fasi selettive, scritte e orali in programma già a partire da lunedì mattina 13 dicembre, convocando d’urgenza per martedì 14 dicembre i sindacati. «L’informazione e la comunicazione ai sindacati è un mero passaggio formale, che fu fatto ufficiosamente il 27 luglio – spiega l’assessore al Personale Giovanni Sabino - ma in quella stessa data fummo costretti ad inviare il testo del bando al Poligrafico dello Stato, altrimenti ci sarebbe stato uno slittamento del concorso di un mese, comportando il serio rischio di non concludere le fasi concorsuali e la firma dei contratti entro il 31 dicembre, come imposto dal ministero dell’Economia. I tempi sono stati stretti perché l’unica finestra consentita per effettuare i concorsi termina al 31 dicembre, altrimenti non si potranno fare assunzioni fino al 2014. Martedì convocheremo i sindacati e ottempereremo all’obbligo di informazione e consultazione. Sono sicuro che nella riunione di martedì i sindacati, ottemperando alla loro storica e preziosa funzione, comprenderanno i motivi dell’accelerazione e si schiereranno a tutela dei 18 posti di lavoro, consentendo il prosieguo dei concorsi entro i termini stabiliti».

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©