Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Spending Review, Cesaro: “ridotte le auto blu da 12 a 5. Nel 2009 erano 15”


Spending Review, Cesaro: “ridotte le auto blu da 12 a 5. Nel 2009 erano 15”
24/07/2012, 14:59

Il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, ha emanato oggi una disposizione sull’utilizzo delle autovetture istituzionali con la quale vengono ridefinite le modalità di servizio.

Nello specifico il presidente Cesaro ha stabilito delle riduzioni di autovetture nell’autoparco dell’ente che era composto di 12 auto blu e due pulmini di servizio per i dipendenti per i collegamenti tra le due sedi della Provincia. Delle 12 auto blu, ne rimarranno in servizio solo 5, una assegnata alla presidenza della giunta, una al Dipartimento del Consiglio, e solo tre a disposizione per i servizi istituzionali. Continua ovviamente ad essere garantito il servizio navetta per i dipendenti tra la sede di Piazza Matteotti e via Don Bosco.

Per le 7 auto blu dismesse dal servizio sono state avviate le pratiche, ai sensi dell’art. 5 comma 2 del dl 95/2012, di conversione per la cessione dei contratti di leasing alle Forze di Polizia.

 “Ho voluto adottare queste misure radicali sulle auto blu – ha detto il presidente Cesaro – per ridurre al massimo i cosiddetti costi della politica. Tutto ciò fa seguito a quanto già disposto nel corso del mio mandato, dove i costi per le auto di rappresentanza sono scesi, rispetto a quelli previsti dalla precedente amministrazione, del 30%. Oggi, rispetto al 2009, le auto blu della provincia sono un terzo, 5 invece di 15, una dotazione che se paragonata con quelle delle altre città metropolitane, è irrisoria. Nel contempo ho voluto che i contratti che avevamo per le auto di rappresentanza fossero utilizzati per implementare il parco auto delle forze dell’ordine, contribuendo a dotare lo Stato di ulteriori mezzi da utilizzare nell’azione di prevenzione dei crimini sul territorio”

 Il personale in esubero che era adibito al servizio delle autovetture aziendali, sarà ricollocato dal direttore dell’Area strategica ISO. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©