Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Speranza per Caserta e le "buone pratiche" dei Comuni Virtuosi


Speranza per Caserta e le 'buone pratiche' dei Comuni Virtuosi
11/04/2011, 12:04

Dopo la Federazione Nazionale dei Verdi verso la Costituente Ecologista anche l'Associazione Nazionale Comuni Virtuosi aderisce ed appoggia il progetto che Speranza per Caserta offre e propone alla città.
Mentre il candidato PDL casertano invita Ministri del Governo e il candidato PD invita sindaci "capaci" del partito a Caserta, Luca Fioretti, Presidente Nazionale dell'Associazione Comuni Virtuosi (associazione venuta alla ribalta grazie alla trasmissione "Report") e sindaco PD del comune di Monsano (An), sceglie Nicola Melone e il movimento Speranza per Caserta per discutere delle "buone pratiche" da realizzare anche nel nostro difficilissimo territorio casertano.
Il progetto portato avanti da questa associazione parte, come sempre, da un grande sogno, un sogno che è stato possibile realizzare tenendo presente la concretezza e la economicità dei progetti; le sue parole sono " sognare una utopia e realizzarla con atti, indirizzi e azioni amministrative ma anche con programmi concreti che siano attuabili ed economicamente vantaggiosi". L'associazione è un serbatoio di buone pratiche a cui si può attingere per l'adozione delle migliori esperienze di competenza nel territorio nazionale ed internazionale, da utilizzare anche qui a Caserta.
Recupero, riqualificazione, progettazione di un piano energetico di efficienza, gestione del territorio, sviluppo di una sana urbanistica, politica dei rifiuti, trasparenza e legalità della pratica amministrativa, tutti temi a cui il cittadino è oggi più sensibile ed attento rispetto al passato. Anche perché il modello di sviluppo che abbiamo non può reggere ancora per molto. Bisogna partecipare e coinvolgere, spendersi in prima persona, bisogna invertire la rotta mettendoci la propria faccia e la propria onestà. Se ci sono riusciti loro, il messaggio è che possiamo farlo anche noi offrendo un patto alla comunità, un patto di sviluppo che sia consapevolmente scelto e voluto dalla città per la salvaguardia e la valorizzazione del territorio, degli spazi e del talento dei suoi abitanti.
Il paradigma, il vero spartiacque, l'energia viva del Movimento, inteso sia come esperienza di Speranza per Caserta che come attività ed impegno..in movimento, è la cura e l'interesse per il "Bene Comune". Unica rotta di destinazione del nostro progetto di città.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©