Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Taglialatela: "Piani paesistici Zona Rossa"


Taglialatela: 'Piani paesistici Zona Rossa'
16/03/2012, 13:03

Si è tenuto questa mattina a Palazzo Santa Lucia, un incontro tra l’assessore all’Urbanistica e al Governo del Territorio, Marcello Taglialatela, e i 18 sindaci dei comuni vesuviani ricadenti nella cosiddetta “zona rossa”. Obiettivo dell’incontro fare il punto sulle specifiche modifiche proposte nel disegno di legge “Norme in materia di tutela e valorizzazione del paesaggio in Campania” che riguardano l’area a rischio vulcanico.

Sono intervenuti i sindaci, o loro delegati, dei comuni di Boscoreale, Boscotrecase, Cercola, Ercolano, Massa di Somma, Pollena Trocchia, Ottaviano, Pompei, Portici, San Giorgio a Cremano, San Giuseppe Vesuviano, San Sebastiano al Vesuvio, Sant’Anastasia, Somma Vesuviana, Terzigno, Trecase, Torre Annunziata, Torre del Greco.

In sintesi, le possibili azioni previste dal Ddl sono articolate secondo fasce d’intervento e sono coerenti con la pianificazione nazionale d’emergenza. A titolo esemplificativo, è possibile prevedere: una zona di assoluta inedificazione e di rinaturalizzazione; una fascia corrispondente ai nuclei abitati consolidati (centri storici) con interventi di riqualificazione edilizia e urbanistica con minimo aumento volumetrico. Sarà possibile prevedere inoltre: a)apposite intese con i comuni per dare attuazione a misure di compensazione in edilizia residenziale pubblica e privata da destinare alle popolazioni che intendono trasferirsi; b) una rete di infrastrutturazioni e servizi che sostengono il piano d’emergenza.

La prospettiva delle possibili azioni è cadenzata sul breve termine (interventi di riqualificazione), nel medio termine (interventi di delocalizzazione) e nel lungo termine (interventi di decongestionamento).



Il Ddl propone modifiche della legge regionale 10/2003 “Norme urbanistiche per i comuni rientranti nelle zone a rischio vulcanico dell’area vesuviana”. “Una legge – sottolinea l’assessore Taglialatela – che fa riferimento ad un piano nazionale di emergenza della protezione civile, che non è legge urbanistica e non è attuativa del piano territoriale paesistico dell’area vesuviana. Infatti il Ptp dell’area vesuviana prevede anche interventi di ristrutturaizone edIlizia” (artt. 7 e 9).

In particolare, il Ddl prevede modifiche all’articolo 5 della l. r. 10/2003 al comma 1 e 2. Al comma 1 vieta il “rilascio di titoli edilizi abilitanti la realizzazione di interventi finalizzati a nuova edilizia residenziale”. Al comma 2, esclude dal divieto “interventi edilizi di cui alle lettere a, b, c, d dell’articolo 3 del DPR 6/6/2001, n. 380 su tutti gli immobili esistenti, ferma restante l’applicazione del successivo art. 6”.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©