Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Tav: Tavella, crisi conseguenza di politica sciagurata


Tav: Tavella, crisi conseguenza di politica sciagurata
24/09/2013, 12:55

NAPOLI - Lo spettro della crisi che incombe sul gruppo Eav, derivante dalla mancata approvazione del piano di rientro approntato dal Commissario ad acta e dal conseguente stop imposto dal patto di stabilità, secondo il segretario generale regionale della Cgil, Franco Tavella, "rischia di decretare il fallimento di una delle più grandi aziende della Campania". "All'approssimazione della gestione deficitaria del passato, si aggiunge l'incredibile dilettantismo della gestione e della programmazione attuale" - continua Tavella. "Il sistema dei trasporti pubblici, già in ginocchio - sottolinea il segretario della Cgil - non può sopportare ulteriori penalizzazioni. L'assessore Vetrella, ancora una volta si rende responsabile di una politica sciagurata che ha come effetto lo smantellamento del sistema del trasporto pubblico". "Se si pensa di ripercorrere le strade già sperimentate a Caserta - conclude Tavella - è bene che si sappia sin da ora che tali ipotesi troveranno la più dura e ferma opposizione della Cgil".
"Il presidente della giunta Caldoro - afferma il segretario generale della Filt-Cgil Campania, Mario Salsano - deve assumere immediatamente impegni per la risoluzione dei problemi più volte denunciati dalla nostra organizzazione: approvazione del piano di rientro fermo al tavolo ministeriale dall'11 aprile scorso; proroga della moratoria oltre il 2013 per i pignoramenti; scorporo dei debiti del trasporto pubblico locale al di fuori del patto di stabilità.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©