Provincia / Torre Annunziata

Commenta Stampa

Progetto presentato oggi all'ANCI di Napoli

Tess: progetto da 74mln per rilancio costa torrese-stabiese


Tess: progetto da 74mln per rilancio costa torrese-stabiese
14/12/2009, 21:12

Riconquistare il mare. Parte da questo presupposto il progetto presentato dalla Tess-Costa del Vesuvio Spa alla sede ANCI di Napoli. Si tratta di un Programma di Sviluppo Territoriale (PST) realizzato di comune accordo dai Comuni dell’area torrese-stabiese (Portici, Ercolano, Torre del Greco, Torre Annunziata, Castellammare di Stabia, Pompei, S.Giorgio a Cremano, Boscoreale, Boscotrecase, Trecase) per l’ammontare di settantaquattro milioni di euro d’investimento.
 “La riconquista del mare” è il perno portante del progetto. .
“Obiettivo principale dell’intervento – si legge nel comunicato della Tess- è la “restituzione del mare” agli abitanti dell’area torrese-stabiese. Il mare in questa area, ai piedi del Vesuvio, in una delle baie più belle del mondo, punto di congiunzione tra Napoli e la penisola sorrentina, da sempre, attraverso diverse modalità nelle epoche storiche che si sono succedute, è stato cifra e simbolo di questo territorio. Lungo le sue coste, intorno ad esso si sono costruite le città”.
Il progetto portante “La riconquista del mare” intende dunque restituire il mare alle città e, nel fare questo riattivare un processo virtuoso dal punto di vista economico e sociale. La vita economica di molti Paesi vesuviani, come Castellammare di Stabia, Torre Annunziata e Torre del Greco, infatti, si basa sul lavoro portuale o marittimo. Creare una lingua economica che racchiuda poi tutti i Comuni, è una sfida che esalta l’importanza del progetto.
Di questa idea anche il sindaco di Torre Annunziata, Giosuè Starita, secondo cui “si è superata finalmente quella logica del campanile che per troppo tempo ha condizionato negativamente lo sviluppo di quest’area. Lungo la strada che li collega solo la cartellonistica rende l’idea del passaggio da un’amministrazione all’altra, questa omogeneità deve riflettersi anche nell’autorevolezza complessiva espressa dal soggetto gestore Tess”.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©