Provincia / Avellino

Commenta Stampa

Torna Irpinia Chiama Italia a Montoro Superiore


Torna Irpinia Chiama Italia a Montoro Superiore
01/12/2011, 15:12

Il 5 dicembre 2011 torna “Irpinia Chiama Italia”: terzo appuntamento del ciclo di seminari-incontri organizzati dal movimento MoDem del Partito democratico della provincia di Avellino. Dopo Quadrelle e Lauro, MoDem dà appuntamento a Montoro Superiore (Av), lunedì 5 dicembre - ore 17,30, presso la sala conferenze del Convento di Santa Maria degli Angeli di Montoro Superiore con un incontro dal titolo “Giustizia è democrazia – Riprendiamoci i nostri diritti”. Interverranno Roberta Santaniello, componente della segreteria provinciale del PD di Avellino, Donato Pennetta, dirigente regionale del Pd campano, Anna Petrone, consigliere regionale del Pd ed il deputato del Pd Marco Minniti. Porteranno i propri saluti Francesco De Giovanni, sindaco di Montoro Superiore, Salvatore Carratu, sindaco di Montoro Inferiore, Alessandro Cerrato segretario del Pd di Montoro Superiore, Fabio Galletta segretario del Pd di Forino, Michele Longastro dirigente locale del Pd. Modera il direttore del quotidiano Otto Pagine, Bruno Guerriero. “Irpinia Chiama Italia” è un ciclo di eventi per contribuire fattivamente al dibattito politico, si tratta di sei occasioni di dibattito che, toccando tutte le zone della provincia di Avellino, diventano traccia concreta delle risposte ai problemi dell'Irpinia, della Campania, del sud Italia. In ogni dibattito si mettono a confronto il punto di vista di parlamentari del Pd con esponenti della società civile, con i giovani, con tutti coloro i quali vorranno partecipare. Quello del 5 dicembre a Montoro Superiore è il terzo appuntamento di “Irpinia Chiama Italia”: con l’onorevole Marco Minniti, la consigliera regionale Anna Petrone e tutti gli altri intervenuti si parlerà di giustizia e democrazia, si farà una riflessione “sul lavoro” e sull'impegno di ognuno di noi nella difesa dei diritti, sul fondamento essenziale per una vera democrazia che consiste nella partecipazione di tutti alla vita politica della propria nazione. Non mancherà una riflessione sui problemi urgenti della Regione Campania, quali la casa, la sanità, l’occupazione, la prevenzione dal crimine.




Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©