Provincia / Torre Annunziata

Commenta Stampa

Ripristinate le agevolazioni fiscali per le piccole imprese

Torre Annunziata, arriva il si definitivo per la zona franca


.

Torre Annunziata, arriva il si definitivo per la zona franca
26/02/2010, 11:02

TORRE ANNUNZIATA –Buone notizie per la città di Torre Annunziata. Saranno, infatti, ripristinate le agevolazioni fiscali per le piccole e micro imprese che decidono di investire nella Zona franca urbana.
La conferma è arrivata nella giornata di ieri direttamente da Roma. Nelle scorse settimane, infatti, dopo le modifiche al testo originale del decreto milleproroghe che cancellava gli incentivi precedentemente previsti per le imprese in nome dei tagli varati dal ministro Tremonti, non si era fatta attendere la reazione della città oplontina.
Torre Annunziata, infatti, insieme ad altri 22 Comuni d’Italia, è una dei destinatari delle agevolazioni fiscali. All’indomani della decisione del Parlamento, dunque, l’intera amministrazione, guidata dal sindaco Giosuè Starita, era scesa in piazza per protestare. E così c’è stato il tanto sperato dietrofront; prima in Commissione Affari Costituzionali del Senato che ha approvato all’unanimità un emendamento al testo e poi nella stessa aula di palazzo Madama, grazie al voto di fiducia del governo. Ieri infine, a pronunciarsi è stata la Camera dei Deputati con il si definitivo.
Una decisione importante che di sicuro soddisferà gli imprenditori che avevano deciso di investire a Torre Annunziata, in una delle zone più difficili della città, il centro storico. Unica novità stabilita dal Parlamento, sarà il tetto di spesa, fissato a 100 milioni di euro per due anni. Intatti, invece, i benefici per le aziende che apriranno nuove attività sul territorio assumendo il 30% dei dipendenti tra i residenti della zona franca urbana.
Al momento però mancano ancora i decreti attuativi che dovranno stabilire i parametri per la concessione delle agevolazioni di natura fiscale, contributiva e tributaria. I Comuni interessati, infatti, dopo la firma dei contratti avvenuta lo scorso mese di ottobre, non hanno avuto nessun altra indicazione

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©