Provincia / Torre Annunziata

Commenta Stampa

Si punta a rilanciare traffici commerciali nell'area

Torre Annunziata: in Regione si lavora per il rilancio del porto

Lunedì 21 riunione alla IV Commissione del Cons. Regionale

Torre Annunziata: in Regione si lavora per il rilancio del porto
12/02/2011, 10:02

TORRE ANNUNZIATA - Le problematiche del porto di Torre Annunziata arrivano in Regione Campania. Quelli legati all’area portuale oplontina saranno alcuni degli argomenti all'ordine del giorno della IV Commissione permanente del Consiglio regionale della Campania. Alla riunione, convocata per il 21 febbraio, sono stati invitati l'assessore regionale ai Trasporti e al Demanio Marittimo, l'assessore all'Urbanistica della Provincia di Napoli, il sindaco di Torre Annunziata, Giosué Starita, il comandante della Capitaneria di Porto di Torre Annunziata, tenente di vascello Claudia Di Lucca. Un passo decisivo per la città torrese, che può finalmente affrontare con serenità e serietà temi caldi come quelli legati al rilancio dello scalo marittimo e della risoluzione della problematica dell'insabbiamento. La riunione si realizza su proposta del consigliere regionale di Noi Sud, Raffaele Sentiero, vicepresidente della Commissione Lavori Pubblici, Urbanistica e Trasporti. Lui a proporre un intervento concreto per il porto torrese. Quello di Torre Annunziata, d’altronde, è il terzo porto in Campania per grandezza. Un punto di riferimento per il commercio, in teoria; ma che all’atto pratico patisce da tempo una realtà ben diversa. Non solo i traffici commerciali sono fortemente limitati dalla scarsa profondità dei fondali, ma nel corso degli anni si sono accumulati per inquinamento e correnti marine sedimenti tali da rendere necessari esosi interventi di escavo o dragaggio. Una situazione non più sopportabile. Anche per questo si lavora, sulla carta, a una nuova rinascita dell’area portuale oplontina.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©