Provincia / Torre Annunziata

Commenta Stampa

Durante i controlli aggredito un militare

Torre Annunziata:cozze sequestrate, 6 denunce e un arresto


.

Torre Annunziata:cozze sequestrate, 6 denunce e un arresto
05/06/2010, 13:06

TORRE ANNUNZIATA – Continuano i controlli delle forze dell’ordine sul territorio di Torre Annunziata per contrastare il fenomeno della vendita di prodotti ittici in cattivo stato di conservazione.
Dopo lo sgombero dei locali commerciali sotto il ponte delle Ferrovie dello Stato, gli uomini della Capitaneria di porto e i carabinieri oplontini, hanno effettuato una serie di verifiche ai venditori ambulanti di via Caracciolo, nei pressi del porto. Proprio durante questa serie di controlli, Pasquale Agnello, 22 anni, uno degli ambulanti che è risultato irregolare, e per il quale stava per scattare una denuncia e il sequestro della merce, ha iniziato ad inveire contro i militari. Prima una serie di offese poi un’aggressione vera e propria.
Il giovane, residente nel parco Penniniello, con piccoli precedenti di spaccio, ha sferrato un pugno in pieno volto ad un sottufficiale della Capitaneria provocandogli la frattura del setto nasale.
Il militare è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Bascotrecase per essere medicato.
I sanitari, oltre alla rottura del setto nasale, gli hanno riscontrato, ferite e contusioni al volto giudicate guaribili in quindici giorni.
L’aggressore, intanto, è stato bloccato dai carabinieri ed arrestato con l’accusa di violenza e lesioni a pubblico ufficiale.
I controlli di militari e Capitaneria si sono conclusi con la denuncia a piede libero di tre persone per la commercializzazione di prodotti ittici in cattivo stato di conservazione e dunque nocivi per la salute dei cittadini. Altre tre denunce sono state presentate alla Procura della Repubblica, a carico di ignoti che, alla vista dei militari, hanno abbandonato la merce in vendita e sono fuggiti facendo perdere le proprie tracce.
400 sono i chili di prodotti ittici, tra cozze, vongole, frutti di mare e pesci di vari tipi, posti sotto sequestro perché ritenuti non idonei al consumo dei cittadini. 
I controlli, intanto, proseguiranno anche nei prossimi giorni, soprattutto in vista dell’arrivo dei mesi estivi

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©