Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Da otto mesi tra le acque putride

Torre del Greco: in via Tortora si vive tra le fogne

Il dramma di decine di famiglie coralline

Torre del Greco: in via Tortora si vive tra le fogne
05/05/2011, 13:05

Costretti a vivere tra gli scarichi delle fogne. E’ il dramma che da otto lunghi mesi affrontano decine di famiglie di via Tortora a Torre del Greco. Nell’area di costruzione delle palazzine Ina Casa c’è un vero inferno dallo scorso settembre 2010. L’impianto fognario del parco privato adiacente le palazzine è letteralmente esploso, ed ora i liquami sfociano nei sottoscala degli stabili popolari. Lì, dove i bambini giocano a calcetto e la gente comunemente vive il suo presente, si è costretti ad entrare in casa con l’ausilio di assi di legno che scavalcano le acque putride delle fogne vicine. Non solo il marciume degli scarichi, ma anche il forte puzzo rende la vita impossibile ai residenti. Inutili,nel corso di otto mesi, le segnalazioni effettuate dai cittadini. Alcuni di loro dichiarano di aver personalmente contattato gli uffici tecnici dell'ufficio sanitario del comune di Torre del Greco, senza ottenere nulla in cambio. Neanche l’intervento degli agenti della polizia municipale e di alcuni tecnici inviati dalla Questura è servito a far ritornare la situazione alla normalità. “Viviamo come profughi – spiega un residente del posto – e nessuno ci ascolta. Qui vivono persone malate di tumore e con problemi respiratori che sono costrette da mesi ad inalare questo fetore”. Il comune è responsabile per l’impianto fognario, ma non per il danno procurato dal sistema, che appartiene ad un privato. “Abbiamo anche provato a contattare i proprietari - spiega una donna – ma non ci rispondono. Di questo passo la situazione non si risolverà mai”. E il pericolo viene dal basso. Nei sottoscala l’accumulo delle acque fognarie ha già raggiunto vari centimetri di altezza e risucchiare il tutto diventa ogni giorno più complicato. 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©