Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Torre del Greco, Palazzi fatiscenti nel centro storico


Torre del Greco, Palazzi fatiscenti nel centro storico
02/05/2011, 15:05

Torre del Greco – In merito ai tanti palazzi fatiscenti, di notevole degrado e abbandono presenti nel centro storico, il sindaco Ciro Borriello si rivolge alle più alte autorità sovracomunali affinché l’Ente locale “possa promuovere sul proprio territorio interventi diretti a garantire la pubblica e privata incolumità, a mezzo anche di edilizia di sostituzione delocalizzata in altri ambiti del medesimo territorio cittadino”. Anzi, il Primo cittadino determinato ha sottolineato “che l’inerzia della politica e la lentezza della burocrazia non possono in nessun modo mettere a repentaglio la sicurezza, l’incolumità, e la vita dei cittadini”. Nel ricordare le passate paure vissute da non pochi nuclei familiari ha aggiunto “brevemente ricordo che a Torre del Greco già diversi sono stati i crolli, in sintesi cito quello del 27 maggio 2010 in via Libertà Italiana. Solo per un caso fortuito, il crollo non ha colpito il treno delle FF.SS. che un istante prima ha attraversato i binari adiacenti a centinaia di abitazioni di vecchia data ad esigua distanza. Solo per un caso fortuito, ancora, nessun cittadino ha perso la vita in tale occasione”. “Tra l’altro, è opportuno ricordare – ha sottolineato il Sindaco - che il Comune di Torre del Greco, con oltre 90mila abitanti, è inserito all’interno della zona rossa - rischio Vesuvio, così denominata perché ad alto rischio sismico e di coinvolgimento in caso di eventuali attività eruttive del vulcano. Pertanto, fiducioso attendo da Silvio Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri ad Altero Matteoli, Ministro delle Infrastrutture, da Giancarlo Galan, Ministro dei Beni Culturali ad Alessandro De Martino Prefetto di Napoli, da Stefano Caldoro, Presidente Regione Campania a Marcello Taglialatela, Assessore all’Urbanistica della Regione, da Edoardo Cosenza, Assessore alle Opere e Lavori pubblici a Stefano Gizzi, Soprintendente dei Beni Paesaggistici e Architettonici la dovuta attenzione affinché il Comune possa promuovere sul proprio territorio interventi diretti a garantire la pubblica e privata incolumità, a mezzo anche di edilizia di sostituzione delocalizzata in altri ambiti del medesimo territorio cittadino”. “Queste sono strategie operative, concrete e possibili – ha poi concluso Ciro Borriello - da attivare per il bene della pubblica collettività e che prefigurano concrete condizioni di sviluppo socio economico. Un auspicio forte a cui potrebbero aderire anche diversi imprenditori privati con proprie risorse economiche attraverso intese ed accordi con l’Ente”. Filippo Borriello

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©