Provincia / Torre del Greco

Commenta Stampa

Consulenza ed assistenza legale: i servizi offerti

Torre del Greco, uno sportello per i lavoratori precari


Torre del Greco, uno sportello per i lavoratori precari
27/11/2009, 12:11

TORRE DEL GRECO - Uno sportello per la tutela e l’assistenza dei lavoratori precari ed atipici. L’iniziativa è stata presentata ieri sera presso la sala conferenze della scuola artigiana "Emiddio Mele". Orientamento, consulenza ed assistenza legale, fiscale e previdenziale: i servizi offerti a titolo gratuito dallo sportello che sarà operativo a partire da gennaio 2010 presso la sede della Cgil in via Martiri D’Africa. “Nidil-Cgil è la struttura sindacale - spiega Antonella Pacilio, responsabile dello sportello territoriale - che rappresenta dal 1998 i lavoratori in somministrazione (ex interinali) ed i lavoratori atipici. Intendiamo dar voce e rappresentanza a quanti operano con modalità contrattuali diverse dalla tradizionale assunzione che non usufruiscono di tutele e di una rete di protezione sociale”. Alla presentazione dell’iniziativa, fortemente voluta dalla Cgil Campania, dal Nidil (Nuove identità di lavoro) di Napoli e dalla Cgil di Torre del Greco erano presenti, tra gli altri,  Raffaele Paudice, segretario generale Nidil Napoli, Antonio Marciano del Pd, Michele Gravano, segretario generale Cgil Campania. “I dati che emergono non sono affatto rassicuranti - sottolinea Pacilio - . Quello degli atipici è un mondo caratterizzato dall’incertezza, del proprio lavoro, della propria situazione economica, di conseguenza del proprio futuro. Il mondo delle nuove identità lavorative è vario e complesso: dai liberi professionisti ai lavoratori a progetto, dai giovani che occasionalmente svolgono prestazioni lavorative a persone che sotto le mentite spoglie di un contratto di collaborazione svolgono un lavoro subordinato. Un tratto li accomuna: l’esclusione dal sistema dei diritti e delle tutele. Nidil-Cgil punta ad ottenere norme giuridiche per una chiara definizione di ambiti e diritti per tutti i lavoratori”.  

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©