Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Tradizione e religione, presentata la festa del Carmine

Attesissimo l'appuntamento con migliaia di fedeli.

Tradizione e religione, presentata la festa del Carmine
11/07/2013, 08:58

NAPOLI - Una festa antichissima per il popolo napoletano. Partono i festeggiamenti per la Madonna del Carmine, l'ultima festa religiosa a Napoli che si sostiene coi soli fondi pervenuti dal popolo devoto. La festa è famosa perchè anche perchè trova il suo culmine nel tradizionale incendio del Campanile, il più alto della città, durante il quale l'intera struttura viene completamente rivestita da "pioggie di fuoco" ad imitare il vero incendio che viene spento solo nel momento in cui arriva il quadro della Vergine del Carmine. Le prime testimonianze dei festeggiamenti in onore della Madonna Bruna risalgono intorno al 1500 e la prima notizia che li descrive appare nella "Cronistoria del Real Convento del Carmine Maggiore di Napoli", scritta da Pier Tommaso Moscarella. Nella città partenopea i fedeli invocano la Madonna chiamandola gergalmente "Mamma d'o Carmene". La manifestazione chiama a raccolta migliaia di devoti e curiosi provenenienti da tutta la provincia di Napoli che potranno seguire eventi importanti come la "Notte della Tammorra", con la novità di avere disponibile per i festeggiamenti la chiesa di "Santa Croce al Mercato", eccezionalmente aperta per cinque giorni.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©