Provincia / Caserta

Commenta Stampa

I veicoli sottoposti a sequestro diretti verso la Spagna

Traffico di auto rubate, polizia ferma trasportatore -video

Indagini sono in corso per risalire ad ulteriori complici

.

Traffico di auto rubate, polizia ferma trasportatore -video
08/11/2013, 10:30

MADDALONI - Ennesima operazione di polizia giudiziaria condotta dal personale dell'Ufficio investigativo del commissariato di Polizia di Maddaloni. Allertati da una fonte, gli agenti, diretti dal dirigente Renata Catalano e coordinati sostituto commissario Vito Esposito, procedevano al controllo, in località Ponti della Valle, di un autocarro che trasportava tre autovetture semi-nuove, nella circostanza un'Audi cabriolet, una Fiat 500 ed un'Alfa Romeo Giulietta sprovviste di targhe, segnalate quali auto rubate. Il trasportatore, un 44enne di Amorosi, riferiva che erano auto caricate in una non meglio indicata località di Volla, con destinazione Spagna, e forniva ai poliziotti fotocopie delle carte di circolazione, nonché fotocopia di carta d'identità di tale S.M. di Pomigliano d'Arco, indicato come committente del trasporto. Gli inquirenti, insospettiti dalle scarne dichiarazioni fornite dal trasportatore, procedevano ad approfondire gli accertamenti sui veicoli, all'esito dei quali il sedicente committente risultava essere persona inesistente e le autovetture, oramai con dati e telai contraffatti, risultavano essere provento di reato poiché rubate nel napoletano e l'Audi Cabriolet addirittura in località Montedecore di Maddaloni alcuni giorni prima. Alla luce di quanto accertato, il 44enne veniva deferito alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per ricettazione delle auto, falsità in atti, in concorso con altri, mentre i veicoli, compresi l'autocarro, sottoposti a sequestro. Sull'intera vicenda proseguono le indagini dei poliziotti di Maddaloni, anche in ambito straniero, al fine di rintracciare i complici del trasportatore e ulteriori decine di autovetture trasportate dallo stesso negli ultimi mesi in nazioni straniere.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©