Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Turismo, Cesaro: “la strada dei grandi eventi è quella giusta per la nuova napoli”


Turismo, Cesaro: “la strada dei grandi eventi è quella giusta per la nuova napoli”
24/10/2011, 13:10

“Oggi può partire per il nostro territorio una stagione che può riconsegnare una nuova Napoli al ruolo che le compete, ovvero quello di capitale del Mediterraneo”.

Lo ha detto il Presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, intervenendo stamane al Congresso mondiale delle Camere di Commercio italiane all’estero al Teatro San Carlo.

“L’appuntamento di oggi, – ha sottolineato il Presidente Cesaro - la Coppa America nei prossimi due anni, il World Urban Forum e l’Expo dell’aerospazio nel 2012, il Forum delle Culture nel 2013, sono un cartello di eventi che fungeranno da volano per la nostra economia turistica. Dallo studio realizzato dall’Università Federico II sui modelli di sviluppo possibili nella nostra città ed il confronto con quanto accaduto in altre località italiane e del mondo, emerge che negli ultimi dieci anni città come Barcellona, Torino e Valencia abbiano visto praticamente raddoppiare i propri flussi turistici sulla scorta di eventi quali l’Olimpiade, le Olimpiadi invernali e la Coppa America. Tutto ciò mi conforta, perché è la strada che stiamo percorrendo con la promozione di una serie di eventi internazionali che verranno ospitati dalla nostra Città. Iniziative che avranno ricadute positive su tutta l’area metropolitana, anche grazie all’impegno della Provincia di Napoli ed alla nostra capacità di coinvolgere tutta l’area di nostra pertinenza”.
“In questa fase – ha aggiunto il Presidente Cesaro - non deve essere sottovalutato il supporto che possono fornire le diverse realtà produttive e le associazioni di categoria che agiscono in prima linea sul territorio.
Sono sicuro, ad esempio che l’ingresso della Camera di Commercio di Napoli all’interno della cabina di regia del Forum delle Culture costituirebbe un valore aggiunto alla manifestazione”.
“Dobbiamo, però, saper coniugare il dinamismo delle idee con la concretezza e la rapidità delle azioni da intraprendere, perché una giusta partecipazione non può tradursi in una nuova stagione di veti incrociati e di immobilismo progettuale.
In tutti questi eventi promotori di turismo – ha concluso Cesaro - non possiamo commettere errori, perché l’effetto boomerang sarebbe devastante”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©