Provincia / Ercolano

Commenta Stampa

Turismo, manager e operatori a “scuola” a Ercolano

Buonajuto (Pd): "Proporre soluzioni concrete"

Turismo, manager e operatori a “scuola” a Ercolano
12/07/2013, 12:13

ERCOLANO – Come valorizzare i beni culturali è la tematica affrontata nell’ambito della prima edizione della summer school “Leadership and Governance for Sustainable Tourism”, tenuta all’Università di Napoli Suor Orsola Benincasa. L’iniziativa ha coinvolto project manager di tutto il mondo per una visita/studio presso il comune di Ercolano. L’iniziativa internazionale ha scelto l’Italia, e nello specifico il comune vesuviano, per coinvolgere una rete di operatori del settore e confrontarsi sulla gestione sostenibile del turismo. «Oggi – ha dichiarato il giovane consigliere comunale renziano di Ercolano, Ciro Buonajuto che ha promosso e coordinato l’organizzazione della visit school nel comune vesuviano -  abbiamo l’opportunità di confronto internazionale capace di stimolare la nostra amministrazione.  Abbiamo il dovere di far nascere una nuova leva di manager e dirigenti pubblici e privati per proporre soluzioni concrete e guidare la principale industria produttiva di Ercolano, ovvero il turismo. Impegnare risorse umane ed economiche nella cultura, nel turismo e nella legalità, non sia mai una spesa, bensì un investimento lungimirante in favore delle prossime generazioni».

 

L’iniziativa, in programma ogni anno in un diverso paese europeo, ha coinvolto rappresentanti delle Nazioni Unite, di NECSTouR, FEST (Fondazione Europea per il Turismo Sostenibile) e della Leeds Metropolitan University. Ad accogliere nella città antica degli Scavi la Summer school anche Christian Biggi  e Luigi Luciani, rispettivamente manager e consigliere  della Herculaneum Conservation Project : «La visita dei ragazzi della Summer school – commentano - va nella giusta direzione per favorire l’internazionalizzazione del patrimonio archeologico e il coinvolgimento dei cittadini ercolanesi. Anche attraverso azioni del genere è possibile ottenere la giusta ricaduta sul nostro territorio».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©