Provincia / Napoli

Commenta Stampa

UIL E FENEAL Campania: “un’idea per Pompei”


UIL E FENEAL Campania: “un’idea per Pompei”
18/04/2011, 15:04

UN’IDEA PER POMPEI: Si chiama così il progetto promosso dalla FENEAL e dalla UIL della Campania per il rilancio della antica città pompeiana e di tutto il suo territorio circostante. Mercoledì mattina, presso il Salone Matteotti della sede UIL Campania, Anna Rea e Luigi Ciancio, rispettivamente segretario generale della Uil e della Feneal Campania, presenteranno ai giornalisti di televisione, radio e carta stampata l’iniziativa che punta alla riscoperta e alla valorizzazione di Pompei antica.
Con i suoi 14 Km di strada; 90 Km di muri; 72 ville e quasi 1000 locali, la città pompeiana rappresenta un unicum mondiale fatto di eterne testimonianze culturali ed archeologiche. Un rilancio vigoroso di Pompei , legato però a tutto il territorio circostante grazie alla realizzazione di una rete fitta e proficua con gli imprenditori, gli artigiani ed i talenti locali.
Un’ idea per Pompei vuole essere una formidabile occasione di rilancio socio economico che vede per la prima volta coinvolti anche il Sindacato: infatti la Uil e la Feneal della Campania, insieme alla Associazione SITIREALI, si accingono a promuovere una serie di iniziative con l’istituzione di UN FONDO PER FAVORIRE IL RECUPERO DI POMPEI. Il Fondo attraverso il conto corrente dedicato si propone di raccogliere una piccola parte del ricavato dei migliori prodotti presenti sul territorio campano da trasferire alla tutela e alla valorizzazione di Pompei.
La FENEAL –UIL ha compiuto già il primo passo acquistando migliaia di pacchi di pasta di Gragnano da distribuire ai propri iscritti e dedicando all’iniziativa un’idea per Pompei un contributo di 20 centesimi per ogni pacchetto distribuito. Un primo piccolo passo per un’adozione diffusa e capillare del nostro patrimonio storico-architettonico.
Nel corso della conferenza sarà illustrato il progetto e saranno distribuite alla stampa ed agli iscritti gadget e buste con pasta di Gragnano con il “marchio” un’idea per Pompei.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©