Provincia / Ischia

Commenta Stampa

Un'altra vittima sulle strade dissestate dell'isola d'Ischia


Un'altra vittima sulle strade dissestate dell'isola d'Ischia
23/05/2012, 13:05

Sangue, sangue, sangue e ancora sangue sulle strade dell’isola d’Ischia. Dopo la tragica morte del Maresciallo dell’Esercito Clemente Buono avvenuta venerdì scorso 18 maggio a seguito del drammatico incidente registratosi nei giorni scorsi a Casamicciola Terme, in via Castiglione, strada negli anni già teatro di numerosi sinistri mortali, nel tardo pomeriggio di martedì, a poche centinaia di metri di distanza, e precisamente a confine tra il Comune di Lacco Ameno e Casamicciola, nei pressi dell’eliporto, come dimostrano le foto di Franco Trani, un nuovo, funesto incidente stradale ha letteralmente sconvolto la quiete dell’isola Verde. A perdere la vita è stato il Dott. Renato Mastrogiovanni, medico napoletano ma ischitano d’adozione con importanti trascorsi sportivi che era a bordo del suo scooter. La dinamica dell’incidente, che ha visto coinvolte più autovetture, è al vaglio degli inquirenti. Anche la statale dell’eliporto, così come via Castiglione, negli anni è stata tragico teatro di incidenti mortali e di sinistri clamorosamente rocamboleschi che non sempre, per fortuna, si sono conclusi in tragedia come quando qualche mese fa una Ford Fiesta con tre giovani a bardo, sfondato il parapetto, finì direttamente a mare dopo un volo di decine di metri. Tanto spavento e solo qualche graffio per i ragazzi a bordo dell'auto. Ma sull’isola d’Ischia nelle ultime settimane sono stati tanti, troppi gli incidenti stradali verificatisi e questo impone, alle Istituzioni preposte, di mettere in essere tutte quelle iniziative che possano rendere, da subito, le nostre strade più sicure. Appelli che nel tempo abbiamo abbondantemente ma invano lanciato. Invano, si, perché sino a questo momento non sono stati raccolti da chi di dovere neppure a seguito dei drammatici incidenti che si sono continuati a registrare e nonostante il sangue che è stato versato sulle nostre strade.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©