Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Verdecologista: chi non rispetta le regole non può fare il sindaco di Napoli


Verdecologista: chi non rispetta le regole non può fare il sindaco di Napoli
21/01/2011, 13:01

Questa città, affermano Carmine Attanasio e Gennaro Varriale responsabili dell’associazione ambientalista Verdecologista, non potrà mai rialzare la testa se finanche alcuni aspiranti sindaci non si pongono il problema del rispetto delle regole. I sostenitori di almeno tre dei quattro candidati sindaci alle primarie hanno completamente incartato la città facendo affiggere propri manifesti in ogni dove. Noi stigmatizziamo questo comportamento e invitiamo tutti ad una riflessione: dieci giorni fa su quasi tutti i maggiori quotidiani cittadini sono apparsi articoli e foto che descrivevano la pietosa condizione di un’aiuola che in via De Pretis, a venti metri dalla Provincia e duecento dal Comune e sotto alle finestra di un grande albergo cittadino, conteneva centinaia di bottiglie e lattine che sono lì da oltre un mese, ancora oggi, senza che nessun assessore si sia premurato di far pulire nonostante la campagna di stampa. Non si è in grado di far lavorare almeno un’oretta due dei settecento giardinieri in forza al Comune? Questo è un vero fallimento! I cittadini loro malgrado, continuano Attanasio e Varriale, dovranno pertanto trarre le conclusioni ed organizzarsi in proprio. A questo proposito rilanciamo, riveduta e corretta, l’idea del “Puliziotto di quartiere” che dovrebbe, per otto ore al giorno, presidiare una strada e tenerla pulita da cartacce, cicche di sigarette, manifesti affissi illegalmente e preoccuparsi della tenuta e della pulizia di aiuole, fioriere e pali della segnaletica. L’Idea, concludono Attanasio e Varriale, è piaciuta molto anche ai rappresentanti del centro commerciale Toledo che attraverso il vicepresidente Pasquale De Vito informano che già stanno pensando di assumere privatamente un addetto alla strada che si preoccupi esattamente di fare quanto indicato nei compiti del “Puliziotto di quartiere” da noi proposto.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©