Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

"Si configura una nuova e pesante emergenza per i cittadini"

Vertice al Comune di Pozzuoli per la crisi dei rifiuti


Vertice al Comune di Pozzuoli per la crisi dei rifiuti
11/11/2010, 19:11

POZZUOLI (NA) - Si è tenuto un vertice al Comune di Pozzuoli sul tema dell'emergenza rifiuti, che nelle ultime settimane attanaglia l'intero comprensorio; all'incontro hanno partecipato i rappresentanti istituzionali dei quattro enti locali, convocati dal prefetto Roberto Aragno, commissario straordinario al Comune di Pozzuoli. «In relazione alla prossima chiusura della discarica di Taverna del Re a Giugliano, le amministrazioni comunali di Pozzuoli, Bacoli, Quarto e Monte di Procida manifestano viva apprensione per il mantenimento nei rispettivi comuni ad alta densità abitativa delle necessarie condizioni di vivibilità – si legge nella nota firmata dai quattro Comuni – Il prevedibile aumento dei rifiuti che non potranno essere raccolti dalla strada per l’impossibilità o il rallentamento dei conferimenti nelle discariche ancora operative, configura una nuova e pesante emergenza che si potrà ripercuotere sia sulla salute pubblica che sulla normale convivenza civile. Al riguardo ritengono necessario e non più rinviabile l’adozione di provvedimenti che nell’immediato futuro consentano di normalizzare il ciclo dei rifiuti». In particolare, il sindaco di Quarto, Sauro Secone, lancia una proposta:«Noi sindaci siamo abbandonati a noi stessi, con centinaia di telefonate che inoltriamo all’ufficio regionale per la gestione dei flussi nel prelievo dei rifiuti, ma senza esito – sottolinea Secone – A questo punto propongo al presidente della Provincia Cesaro di ipotizzare una sorta di divisione per ambiti omogenei di Comuni per la gestione del ciclo dei rifiuti. A Quarto potremmo ragionare quasi in una sorta di logica consortile con i Comuni di Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida, dandoci reciprocamente un aiuto nella gestione del prelievo dei rifiuti. La situazione attuale è solo avvilente».

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©