Provincia / Ercolano

Commenta Stampa

Tregua della pioggia; nuove precipitazioni attese mercoledì

Vesuvio innevato e temperature rigide


.

Vesuvio innevato e temperature rigide
11/01/2010, 12:01

VESUVIO - Un Vesuvio quasi completamente innevato. E’ con questa immagine che si sono svegliati i cittadini di Napoli e provincia. La neve, infatti, non è presente soltanto sulla cima ma su buona parte del vulcano, donando al Vesuvio un aspetto insolito e caratteristico.
Così, dopo i danni provocati dai violenti nubifragi che, nello scorso fine settimana hanno colpito l’area vesuviana, la settimana si è aperta con temperature piuttosto rigide. Nonostante la tregua concessa dalla pioggia in queste ore, però, le previsioni non sono certo incoraggianti e gli esperti annunciano una nuova ondata di maltempo già a partire da mercoledì.
Situazione critica nella provincia di Napoli dove sono previsti freddo e possibili nevicate ad alta quota.
Si normalizza invece la situazione nel sarnese dove il fiume Sarno, esondato nei giorni scorsi, non desta preoccupazione. Disagi invece al confine tra Pompei e Castellammare dove i residenti della zona sono rimasti bloccati in casa, a causa dell’acqua che ha raggiunto i 50 centimetri di altezza dal manto stradale. La strada che collega Pompei con Torre Annunziata e Castellammare, ieri, è infatti rimasta chiusa al traffico veicolare.
Migliora invece la situazione ad Ercolano dove, nella serata di sabato, le forti piogge avevano creato uno sprofondamento di dimensioni rilevanti su via Benedetto Cozzolino, strada provinciale, nei pressi del cimitero cittadino: tre auto sono finite all'interno della voragine, riportando lievi danneggiamenti alla carrozzeria.
Intanto Legambiente lancia l’allarme sugli interventi della protezione civile nei comuni della Campania. Soltanto il 39%ha infatti una struttura attiva 24 ore su 24 pronta a gestire le emergenze giorno e notte.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©