Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Vico Equense: È possibile donare il 5x1000 al Comune


Vico Equense: È possibile donare il 5x1000 al Comune
16/05/2012, 12:05

Vico Equense – La Legge Finanziaria prevede la possibilità di destinare il 5 per mille della propria dichiarazione dei redditi a favore del Comune di residenza, concorrendo così in maniera concreta al miglioramento e al potenziamento dei servizi rivolti al sostegno di famiglie, anziani, minori, disabili e dei più deboli. Questa scelta non comporta alcun tipo di costo per il contribuente essendo una quota d’imposta a cui lo Stato rinuncia. Se non viene espressa alcuna preferenza, la quota rimane nelle casse dello Stato. “Siamo in un periodo economico molto difficile, e con risorse statali sempre più scarse – spiega l’Assessore al bilancio Antonio Di Martino - Dare al Comune il 5 per mille, aiuta a recuperare almeno una parte dei fondi che sono venuti a mancare, e permette al cittadino di diventare parte attiva della vita sociale e civile della propria città, dando un aiuto concreto per il miglioramento della qualità della vita dei soggetti più deboli. Non costa niente e il ricavato rimane sul nostro territorio per essere utilizzato dove serve davvero, senza sprechi e nelle situazioni di bisogno accertato. Questa iniziativa è stata resa possibile anche grazie alla disponibilità di CAF e Studi di assistenza fiscale del territorio che hanno offerto la loro collaborazione.” Destinare il proprio 5 per mille è molto semplice: basta compilare la sezione relativa del CUD, 730 e Unico Persone fisiche, apponendo la firma nel riquadro che riporta la scritta “Sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza”, nel caso specifico il codice fiscale del Comune di Vico Equense è: 82007510637. Bisogna ricordare che la destinazione del 5 per mille non esclude l’otto per mille che può comunque essere donato. “A tutela di questa scelta, - conclude l’Assessore Di Martino - tengo a precisare che le somme ricavate andranno a finanziare esclusivamente le attività sociali della nostra comunità.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©