Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Vico Equense. “Mane e Mane” per l’arrivo del nuovo anno


Vico Equense. “Mane e Mane” per l’arrivo del nuovo anno
27/12/2011, 09:12

Vico Equense - Sarà un Capodanno all’insegna della musica quello di Vico Equense, in piazza Umberto I, con le percussioni dei Bottari. A organizzarlo l’Associazione dei commercianti (Ascom), con il patrocinio del Comune. Dopo il brindisi con gli amministratori, atteso per le 00.20, si passa alle 00.50, all’esibizione del gruppo di musica etnico-popolare dei “Mane e Mane”. Musicisti un po’ particolari, infatti, non suonano trombe, flauti o altri strumenti simili ma botti, tini e falci, utilizzati come percussioni e battono arcaici ritmi processionali. Si narra che tutto abbia avuto inizio dai contadini, che nel tentativo di scacciare gli spiriti maligni dagli angoli bui delle loro cantine, percuotevano freneticamente botti, tini e falci, attrezzi impiegati nel quotidiano lavoro dei campi. Questo rituale s’iniziò a ripetere anche in luoghi aperti, come rito propiziatorio di un buon raccolto. Il gruppo è composto di quattordici artisti tra bottari e musicisti che in alcune performance legate alla cultura musicale campana, caratterizzano l'evento come uno dei più emozionanti del panorama musicale. Il concerto prevede una parte con i grandi successi di Enzo Avitabile e brani di musica popolare partenopea. "Il capodanno in piazza è un appuntamento molto atteso. – afferma il Sindaco, Gennaro Cinque – Quest’anno abbiamo bisogno di una spinta in più per iniziare il 2012 nel migliore dei modi, vista la crisi e i pesanti tagli che abbiamo subito come Comune. E’ un modo per far divertire chi non vuole correre rischi mettendosi alla guida di un'automobile per raggiungere locali notturni o andare da un'altra parte”. Le manifestazioni non termineranno con il Capodanno ma continueranno fino al 6 gennaio con tanti appuntamenti, teatrali, musicali d’intrattenimento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©