Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Vico Equense. Notte dei Musei 2012: apertura straordinaria del Museo Mineralogico Campano


Vico Equense. Notte dei Musei 2012: apertura straordinaria del  Museo Mineralogico Campano
18/05/2012, 14:05

Vico Equense - Anche Vico Equense aderisce alla “Notte dei Musei 2012”, evento che dal 2005 si svolge con successo in tutta Europa e che quest'anno coinvolgerà oltre 3.000 musei di 40 paesi europei. Sabato 19 maggio, il Museo Mineralogico Campano rimarrà aperto, dalle ore 20 alle 24. Il tema di questa edizione è “I segreti della Natura”. Sarà possibile effettuare visite guidate gratuite per ammirare le collezioni di minerali, fossili, strumenti in pietra realizzati dagli uomini primitivi del Neolitico e Paleolitico. Per la prima volta saranno mostrati nuovi campioni di minerali del Vesuvio-Monte Somma che recentemente hanno arricchito la sezione dei minerali vesuviani, tra le più ammirate da turisti e visitatori di tutto il mondo. Al microscopio si potranno osservare i rari cristalli di spinello rosa del Monte Somma, autentiche rarità geologiche. Unitamente alle migliaia di campioni esposti nel museo, ubicato al primo piano del Complesso Monumentale della SS. Trinità e Paradiso (ingresso dal viale Rimembranza), si potranno ammirare le sculture in ceramica e rame, realizzate con la tecnica raku dal maestro Giancarlo Ianuario Solaris, della mostra “Figure dal Cosmo”. Il vernissage organizzato dal Museo con il patrocinio del Comune di Vico Equense, ente che sostiene anche l’iniziativa internazionale del Museo, sarà aperto al pubblico fino al 30 maggio e nei giorni scorsi ha ricevuto l’apprezzamento entusiastico di George Smoot, premio Nobel per la fisica, insignito a Vico Equense del premio scientifico Capo d’Orlando. “La cultura – afferma il Sindaco Gennaro Cinque - in Italia nell’ultimo anno ha subito tagli pesantissimi, ma come amministrazione abbiamo cercato di dare comunque il nostro contributo e ci siamo impegnati nel promuovere questa iniziativa. Un’occasione unica anche per coinvolgere un pubblico più giovane e normalmente distante dal mondo della cultura.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©