Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Vico Equense. Pari opportunità. Protocollo d’intesa tra Comune e Provincia


Vico Equense. Pari opportunità. Protocollo d’intesa tra Comune e Provincia
19/06/2012, 12:06

Vico Equense - Un Protocollo d’intesa per la realizzazione di politiche di sviluppo locale e di promozione della cultura d’impresa nel mondo femminile, sarà firmato giovedì 21 giugno 2012, nella sala Polifunzionale del Complesso seicentesco della Santissima Trinità e Paradiso. A sottoscriverlo il Comune di Vico Equense, alla presenza del Sindaco Gennaro Cinque e dell’Assessore alle Pari opportunità Marinella Cioffi, e la Provincia di Napoli rappresentata dall'Assessore alle Pari Opportunità Giovanna Del Giudice. Il progetto organizzato dall’Assessorato alle Pari opportunità del Comune di Vico Equense nasce dalla volontà dell’Amministrazione Comunale di promuovere lo sviluppo economico sociale, con azioni mirate al consolidamento e al potenziamento del tessuto imprenditoriale locale, favorendo la nascita delle piccole imprese, in un’ottica di miglioramento della qualità e della competitività complessiva del sistema imprenditoriale. A tal fine si è rivelato di fondamentale importanza stabilire un rapporto di collaborazione con l’Amministrazione Provinciale di Napoli, attraverso la stipula di un protocollo d’intesa. Proprio la Provincia di Napoli da anni, con lo “Sportello Donna”, promuove azioni rivolte alla valorizzazione delle risorse femminili nei processi di sviluppo locale e alla diffusione e allo sviluppo di una cultura d’impresa nel mondo femminile, con la promozione e la produzione d’idee imprenditoriali sul territorio." L’attività di orientamento e informazione per lo sviluppo dell’imprenditorialità femminile, – spiega il Primo cittadino - attraverso una qualificata formazione delle donne, è fondamentale per la nostra economia, specialmente in questo particolare momento e questo protocollo d'intesa dimostra l’attenzione dell’Amministrazione di orientare con percorsi specifici le aspiranti imprenditrici.” Ha concluso Gennaro Cinque.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©