Provincia / Caserta

Commenta Stampa

De Simone: “Previsti finanziamenti fino al 40%”

Videocamere anti-rapina, bando della Cciia di Caserta

Al convegno dell’Ascom il punto sul protocollo d'intesa

.

Videocamere anti-rapina, bando della Cciia di Caserta
22/11/2012, 10:30

CASERTA - Il protocollo sottoscritto tra Ministero dell’Interno e associazioni dei commercianti per l’installazione di un sistema di videosorveglianza, destinato a imprese e negozi, comincia gradualmente a prendere forma. E nel corso di un convegno, promosso dall’Ascom-Confcommercio, e ospitato nella sala consiliare della Camera di Commercio di Caserta, la presentazione ufficiale del progetto che prevede un finanziamento del 40%, fino ad un  massimo di 1.248 euro, per dotarsi  delle attrezzature necessarie. Si tratta di impianti collegati direttamente con la Questura e con il comando dei Carabinieri pronti ad intervenire nel caso in cui il commerciante lanci l’allarme. Soltanto in cento potranno però beneficiare delle risorse messe a disposizione dell’ente camerale, partecipando al bando in scadenza il 31 dicembre. Le aspettative intorno a questo bando sono altissime malgrado il difficile momento economico e la crisi del settore facciano temere una scarsa partecipazione. “Con questa iniziativa – ha spiegato il presidente della Camera di Commercio, Tommaso De Simone – abbiamo inteso dare un nuovo impulso allo strumento della videosorveglianza. Un efficace deterrente, a nostro avviso, per contrastare il fenomeno della microcriminalità che tanti disagi sta arrecando alla categoria. Una iniziativa che va ad aggiungersi a quelle non meno significative promosse sul territorio provinciale come il Camper per la legalità, il codice etico per gli imprenditori, il sostegno alle imprese che gestiscono beni confiscati alla camorra e non solo”. Gli fa eco il presidente dell’Ascom, Mario D’Anna: “Si tratta infatti di uno strumento indispensabile soprattutto per alcune tipologie di negozi (farmacie e tabaccherie in primis) e soprattutto per quelli che si trovano in alcune aree a rischio della provincia che devono poter essere messi in condizione di operare in un clima e in un contesto di massima serenità”. Al convegno di ieri, moderato da Giuseppe Bartolommei di Confcommercio, sono intervenuti, tra gli altri, il vice prefetto Michele Campanaro, il  Tenente colonnello dei Carabinieri, Massimiliano Pellino, il dirigente della polizia postale di Campania e Molise, Mario Castaldo, il segretario generale della Cna, Francesco Geremia, il presidente di Federfarma Caserta, Vincenzo De Lucia, e il vice presidente nazionale per le politiche di sicurezza e legalità dell’Ascom, Gianni Gravante.

 

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©