Provincia / Castellammare di Stabia

Commenta Stampa

Vigila dell’Immacolata. “Scenario da guerra civile”


Vigila dell’Immacolata. “Scenario da guerra civile”
08/12/2009, 16:12

CASTELLAMMARE DI STABIA - «La vigila dell'Immacolata ha trasformato la città delle acque in uno scenario da guerra civile, con le Forze dell’ordine da una parte a far rispettare l’ordinanza emessa dalla Questura di Napoli che vieta i falò e bande di teppisti dall’altra». La denuncia è di Antonio Sicignano, Consigliere Comunale del Pdl e vicepresidente dei Circoli della Libertà della Campania.

«Quello che è successo ieri è inaccettabile – spiega Sicignano - Castellammare sembrava Beirut ed ancora una volta, nonostante i grandi sforzi delle forze dell’ordine, è mancata una direzione politica efficace dell’emergenza. E´ ora di finirla con il perbenismo da sacrestia: i falò dell´immacolata oramai rappresentano la festa dell´antistato e dell´illegalità. Se non riesce a sedare queste bande di ragazzini mi chiedo come si fa a combattere la camorra».

«Ieri, le Forze dell’Ordine hanno posto in essere grandissimi sforzi, in particolare la Polizia era schierata con 70 uomini. Ma è inaccettabile vedere bande di teppisti, che scorazzano a destra e sinistra, con tronchi di legna, che chissà da dove erano stati presi. Sono state incendiate cataste di legna anche nella centralissima piazza Matteotti, oltre che in tutti i quartieri periferici. Nel quartiere Moscarella è stata sistemata con l’ausilio di un muletto sollevatore una piramide, alta circa 13 metri, di tronchi altamente tossici e poi incendiati. E mi è stato riferito che in molte occasioni le accensioni dei falò sono state accompagnate da cori contro le forze dell´ordine, e in alcune parti, come in Via Gesù, sono comparse scritte inneggianti alla lotta contro la polizia.

Per non parlare poi – conclude Sicignano - dell’episodio accaduto nel quartiere Annuziatella, dove ci sono stati 6 feriti per l’esplosione di una tanica di benzina utilizzata per l’accensione del falò, e di quanto avvenuto nei giorni scorsi dove è stata rinvenuta della legna sui binari della Circumvesuviana».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©