Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Schiano: "Abbiamo agito in modo trasparente"

Vigili Urbani: i documenti finiscono in Prefettura


Vigili Urbani: i documenti finiscono in Prefettura
01/11/2010, 19:11

Un documento protocollato dal PD è ora al vaglio della Prefettura di Napoli. Riguardante cosa? Il bando di concorso per vigili urbani emanato dal comune di Bacoli. Una procedura selettiva indetta per l'assunzione di quattro agenti di PM con contratto a tempo indeterminato al 50% per anni 3 che non convince né politici, né sindacati, né tantomeno i famosi “vigilini”, ovvero i poliziotti municipali ausiliari, che, causa la voce aperta pro mobilità, si sentono in qualche modo scavalcati da colleghi che potrebbero chiedere di svolgere il proprio servizio presso il comune di Bacoli. Incongruenze e irregolarità nelle procedure, per cui viene richiesta l'immediata verifica delle clausole del Regolamento comunale di Bacoli per gli Uffici e i Servizi, per la Procedura di Mobilità da altri enti e Concorsuale per le nuove assunzioni, per assicurare l'osservanza e il rispetto delle vigenti disposizioni di legge che regolano la materia di accesso al Pubblico Impiego con la conseguente sospensione del procedimento assunzioni in atto per le necessarie modifiche ed integrazioni. Il Pd locale ha presentato il ricorso perché “è sembrato un atto dovuto viste le gradi aspettative, che una possibilità di concorso, hanno investito numerosi giovani della città e in virtù di ciò non può che essere interesse e volontà di tutti che ogni procedura venga eseguita con la massima trasparenza e nel rispetto delle norme vigenti”, così come ha spiegato la consigliera Adele Schiavo al termine dell’ultimo Consiglio Comunale.
Il sindaco Schiano si dice sereno, sapendo di aver agito in totale trasparenza. “La legge impone la voce mobilità, non potevo escluderla”.
D’altro canto sono posti con un part-time al 50%. Questo vuol dire che coloro che richiederanno di partecipare alla selezioni utilizzando il canale “mobilità”, se ricoprono attualmente un lavoro a tempio pieno, dovranno rinunciare a metà dello stipendio. Quanti effettivamente toglieranno le possibilità ai residenti bacolesi?
Intanto si aspetta la risposta della Prefettura

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©