Provincia / Area Flegrea

Commenta Stampa

Rescisso il contratto che adibiva lo spazio a parcheggio

Villa Ferretti, dalla camorra al comune. Dal comune a nessuno


Villa Ferretti, dalla camorra al comune. Dal comune a nessuno
23/08/2010, 20:08

BACOLI – Villa Ferretti sottratta alla malavita era stata affidata, dopo regolare bando, dalla Giunta Comunale alla Coop. Nuova Amena Baia in maniera provvisoria fino al 31.08.2010, con delibera n. 56 del 04.06.2010 affinché la stessa fosse utilizzata come parcheggio a servizio di tutte le attività presenti sul molo di Baia e dei siti archeologici a fronte di un pagamento mensile, da versare al Comune di Bacoli, di 2.500 euro. Il rapporto tra Amena e comune è stato rescisso.
Un’area che per tutta l’estate è servita da parcheggio e da base autobus-navetta che hanno collegato in questo periodo dalle 21 alle 3, ogni venti minuti, l’area in questione con il molo di Baia evitando il congestionamento del traffico lungo le principali arterie della frazione cittadina.  Un’idea a cui non è stato dato seguito poiché, così come si evince dalla delibera di Giunta N.121 del 11.8.2010, la Cooperativa Nuova Amena Baia, con nota acquisita al protocollo generale del Comune in data 14.06.2010, ha evidenziato alcune difficoltà, quali la predisposizione della segnaletica orizzontale, il servizio navetta dal parcheggio al Porto di Baia ed il pagamento della TARSU.  Incredibili mancanze e strane deficienze le quali “in quanto – come si legge nel documento ufficiale - pregiudizievoli per un efficace servizio che si intendeva poi istituire per il periodo estivo”, hanno spinto l’amministrazione a revocare la delibera d’affidamento, rescindendo quindi, di fatto, ogni tipo di rapporto con la Cooperativa sopracitata.
Insomma un rapporto che durante l’estate non ha fruttato quanto doveva, non essendo i membri della cooperativa in condizione di poter offrire quanto presupposto.  Una nuova speranza di riorganizzazione dei beni confiscati rimasta sospesa ad attendere orizzonti migliori.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©